cerca CERCA
Sabato 29 Gennaio 2022
Aggiornato: 15:24
Temi caldi

Mondo Rai/Appuntamenti e novità

16 marzo 2020 | 19.22
LETTURA: 8 minuti

alternate text
(Fotolia) - Fotolia

Sarà all’insegna del romanticismo la prima serata di martedì 17 marzo su Rai 1 con la commedia dai toni rosa “ Ricominciamo da noi” , la pellicola americana del 2017 firmata da Richard Loncraine con Imelda Staunton, Timothy Spall, Celia lmrie e Joanna Lumley. Durante la festa per un prestigioso riconoscimento al marito, Sandra, una signora dell’alta borghesia, scopre che il consorte la tradisce da anni con la sua migliore amica. Scioccata, lo abbandona e si rifugia dalla sorella, Elizabeth, che non frequenta da molto tempo. A differenza di Sandra, conduce una vita più modesta, ma movimentata: frequenta un corso di ballo per la terza età e la invita a prendervi parte. Per Sandra, inizialmente diffidente, sarà l’occasione per riprendere in mano la propria vita, in cui entrerà a far parte Charlie, un eccentrico restauratore di mobili che vive su una barca.

All’inizio della seconda settimana di isolamento per l’emergenza Coronavirus, Patriae - in onda martedì 17 marzo in seconda serata su Rai2 - fa il punto sulla situazione in Italia, in Europa e nel resto del mondo. Annalisa Bruchi affiancata da Alessandro Giuli e Aldo Cazzullo ne parlerà con chi combatte in prima linea la sfida più importante degli ultimi decenni. Tra questi il virologo Giovanni Rezza, responsabile del dipartimento malattie infettive dell’Istituto superiore di Sanità. Il vicepresidente del Parlamento europeo, Fabio Massimo Castaldo, farà il punto sulle scelte delle strategie dei diversi Paesi europei per contenere la diffusione del virus. Sentiremo anche le voci dei governatori delle regioni tra cui quella di Alberto Cirio presidente della regione Piemonte, a sua volta contagiato, ma attivo ogni giorno sul suo territorio. Ospiti del programma Alessia Morani, sottosegretaria al ministero dello Sviluppo economico, che illustrerà, tra l’altro, le misure anti crisi varate dal governo, Maurizio Gasparri di Forza Italia e l’imprenditore Guido Crosetto.Come sempre inchieste e servizi mentre il tema dell’editoriale di Alessandro Giuli sarà la grande Italia nascosta che abbiamo visto emergere con forza e serrare le file di fronte all’emergenza.

La storia d’amore di Guido e Vally di Cerese, in provincia di Mantova, al centro del programma di Rai3 Non ho L’età, in onda martedì 17 marzo alle 20,20. Guido e Vally si sono conosciuti trent'anni fa, nel 1990, quando i loro figli erano fidanzati. Se qualcuno avesse detto loro che dopo 25 anni si sarebbero innamorati, non ci avrebbero mai creduto. Abitando a pochi metri di distanza, quando i figli si sono lasciati le loro famiglie sono rimaste in buoni rapporti e quando sono rimasti entrambi vedovi, Guido e Vally hanno iniziato a frequentarsi e ad andare a ballare. In poco tempo, però, l’amicizia è diventato amore. Oggi, dopo cinque anni di fidanzamento, si sentono come marito e moglie. Non ho l’età è il docufactual di Rai3 che racconta i nuovi amori degli over 65, in onda dal lunedì al venerdì.

Su Rai2 ìPechino Express'

Nuovo appuntamento, martedì 17 marzo alle 21.20 su Rai2, con la sesta tappa di "Pechino Express. Le stagioni dell'Oriente". Con 2,4 milioni di spettatori pari al 10,5% di share, la scorsa puntata ha registrato il più rilevante incremento di pubblico in termini di ascolto per questa edizione. I viaggiatori sono ancora in Cina, dove l’adventure game prodotto da Rai2 in collaborazione con Banijay Italia è stato girato lo scorso autunno. In questa tappa percorreranno 456 km: partiranno da Kaili, luogo perfetto per assistere allo spettacolo di canti e danze tradizionali e arriveranno a Longsheng. A metà strada, nel villaggio di Baisha, nello Yunnan, si svolgerà la Prova Vantaggio. Sotto lo sguardo attento di Costantino della Gherardesca si sfideranno: le Collegiali (Nicole Rossi e Jennifer Poni), i Gladiatori (Max Giusti e Marco Mazzocchi), Mamma e Figlia (Soleil Sorge e Wendy Kay), i Sopravvissuti (Vera Gemma e Gennaro Lillio), le Top (Ema Kovac e Dayane Mello) e i Wedding Planner (Enzo Miccio e Carolina Gianuzzi). I paesaggi naturali sono bellissimi, ma i viaggiatori di Pechino Express non avranno molto tempo per godere delle bellezze del luogo: per loro infatti la corsa prosegue veloce ritmata da nuove gare e missioni. Gentilezza, spirito di adattamento ed empatia saranno, come di consueto, le sole armi vincenti per ottenere un passaggio e un alloggio per la notte.

Nella storia economica del Novecento, l’inizio degli anni settanta rappresenta per i paesi più sviluppati un momento molto importante, uno spartiacque tra la Golden Age, l’Età dell’Oro, e una fase di crescita più debole e instabile nella quale ancora viviamo. Un periodo ricostruito da “Storia dell’economia”, in onda martedì 17 marzo alle 22.10 su Rai Storia. Eventi chiave di quel passaggio sono la fine del sistema monetario internazionale a cambi fissi stabilito nel 1944 a Bretton Woods e lo shock petrolifero del 1973. Ne parlano Pierluigi Ciocca, Innocenzo Cipolletta, Emanuele Felice, Romano Prodi, Paolo Savona, Gianni Toniolo, Giovanni Vecchi.

Ritorna anche domani, martedì 17 marzo su Rai1, lo Speciale Tg1, sempre sul Coronavirus e sulla sua diffusione sull’intero territorio. In seconda serata verrà proposto l’aggiornamento della situazione italiana con le aree dove il contagio è più grave, la testimonianza dall’interno degli ospedali e l’impatto del Covid 19 sui più deboli. A tutto questo si aggiungeranno i collegamenti con le città italiane e le capitali estere con le voci di scienziati e medici che operano sul campo. Aggiornamenti, infine sui numeri del contagio e le ricadute sul tessuto economico dopo le azioni intraprese dal Governo. Sarà Paolo di Giannantonio a condurre lo Speciale Tg1.

Sui Rai3 'I grandi della letteratura'

Skiffle, beat, rock, glam, punk, ska, britpop, rave o drum 'n' bass: tutti questi stili di musica pop sono nati nel Regno Unito. Per non parlare dei Beatles, degli Stones, dei Led Zeppelin, dei Coldplay o di Adele. Il documentario “The United Kingdom of Pop”, in onda martedì 17 e mercoledì 18 marzo alle 22.45 su Rai5, ripercorre in due puntate i fenomeni culturali che hanno segnato il nostro passato e continuano a definire il presente; un presente che oggi, di fronte alla Brexit, appare più rilevante che mai. La Gran Bretagna è senza dubbio la nazione del pop per eccellenza, che con la sua musica ha modellato per sessanta anni il suono dell'età moderna. Il “Regno Unito del Pop” ha avuto un impatto profondo su costumi, mode e tendenze del mondo, ispirando nuove generazioni a cavalcare lo spirito dei tempi: che si tratti dell’intramontabile fascino di James Bond, della irresistibile comicità di Mr Bean, o della travolgente minigonna di Mary Quant, la Gran Bretagna è sovrana su tutte le espressioni e declinazioni della cultura “popolare”.

Gli appassionati di sport, di tutti gli sport, da domani avranno un palinsesto Rai completamente dedicato a loro.Dalle 16 di domani, martedì 17 marzo, infatti, prenderà il via Raisport Classic: otto ore consecutive di emozioni azzurre, dal calcio alla vela, dal ciclismo allo sci, passando per l'atletica, il basket, il volley...In una continua alternanza tra passato e presente, tra pillole di storia dello sport ed eventi leggendari, il canale tematico della Rai, "pescando" nello sterminato archivio delle Teche Rai, ripercorrerà l'ultimo mezzo secolo, e oltre, di sport tricolore: dalle prime imprese di Inter e Milan in Coppa Campioni ai Mondiali di Messico '70, con la "partita del secolo", Italia-Germania, che a giugno compirà cinquant'anni fino ai traguardi più recenti, le Coppe del Mondo di sci alpino e di biathlon firmate Brignone e Wierer. E poi le emozioni olimpiche, le imprese dei grandi del ciclismo, le tappe mitiche di Giro e Tour, i successi del basket e quelli della "generazione dei fenomeni" del volley: una programmazione che, da metà pomeriggio a mezzanotte, farà compagnia a tutti gli appassionati in questi difficili giorni. Nella prima settimana, la programmazione andrà in replica due volte, dalle 24.00 alle 8.00 e dalle 8.00 alle 16.00, poi verrà implementata per arrivare, a regime definitivo, a dodici ore, da mezzogiorno a mezzanotte e, in replica, da mezzanotte alle 12 del giorno successivo.

E’ l’autore che ha incarnato in ogni aspetto, nel bene e nel male, la nostra nazione in un momento cruciale: quello del passaggio dai fervori rivoluzionari dell’età unitaria alla “normalizzazione” dello Stato umbertino. Giosuè Carducci è il protagonista della puntata de “I grandi della letteratura italiana” che Rai Cultura propone martedì 17 marzo alle 15.20 su Rai3. A raccontare la vita del grande autore, insieme a Edoardo Camurri, i critici Giulio Ferroni e Matteo Marchesini e il linguista Tullio De Mauro. La puntata ha per scenario Bologna: quella accademica, rispettabile, ottocentesca del Carducci ufficiale e quella rivoluzionaria e giacobina del Carducci dei primi anni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza