cerca CERCA
Lunedì 12 Aprile 2021
Aggiornato: 02:01
Temi caldi

Mondo Rai/Appuntamenti e novità

06 aprile 2021 | 21.09
LETTURA: 6 minuti

alternate text
(Fotogramma) -  

“Modalità aereo” sarà la divertente commedia, in prima visione tv, proposta da Rai1 domani alle 21.25. Diretta da Fausto Brizzi, è interpretata da Lillo Petrolo, Paolo Ruffini, Violante Placido, Dino Abbrescia e Caterina Guzzanti. Diego è un imprenditore di successo. Ricco e poco curante del bene altrui, non si fa scrupoli a sminuire il prossimo. Il suo atteggiamento gli si ritorce contro quando dimentica nel bagno di un aeroporto il suo cellulare di ultima generazione a cui sono collegati profili social, contatti e carte di credito. I due inservienti Ivano e Sabino, maltrattati in precedenza dall'arrogante manager, decidono di vendicarsi e di sfruttare la lunga durata del suo volo verso Sidney per rubargli la sua vita digitale e non solo…

Secondo appuntamento con “Game of games – Gioco loco”, domani alle 21.20 su Rai2, con la conduzione di Simona Ventura. Il game show, attraverso una serie di giochi spettacolari, metterà alla prova sei vip pronti ad aiutare altrettanti concorrenti “nip” ad arrivare al gioco finale e portare a casa il montepremi in palio. Ospiti della serata: Sara Croce, Omar Fantini, Juliana Moreira, Amaurys Perez e i The Show. Un gruppo di ragazzi e ragazze che, con il loro entusiasmo e la voglia di mettersi in gioco, proverà ad affrontare le sfide a cui il grande lunapark di “Game of Games – Gioco loco” li sottoporrà. Giochi sorprendenti e originali, in cui a fare da padrone è il grande impatto visivo che li caratterizza: da Vola Vola a In Bocca al Mostro, fino a La Sedia Musicale.

Una perla delle Teche Rai: il live dei Talking Heads ripreso a Roma nel 1980, che Rai Cultura propone domani alle 23.00 su Rai5. Ispirati, elettrizzanti e terribilmente avanguardistici, i Talking Heads propongono una scaletta, che contiene quattro brani tratti da quel classico che è “Remain in Light”. Cesare Pierleoni, storico regista della Rai, commenta così quell'evento: “Ho avuto la fortuna e l'onore di essere il regista di questo concerto indimenticabile e meraviglioso al PalaEur di Roma il 17 dicembre 1980. Qualcosa di irripetibile. Girato in pellicola 16mm con tre macchine da presa sincronizzate. Credo sia qualcosa di incredibile, con la line-up della band allargata per accogliere il leggendario Adrian Belew alla chitarra e Dolette Mc Donald come backing vocal. Ho ancora la pelle d'oca”.

'Chi l'ha visto?' su Rai3 torna sul caso Denise Pipitone - 'Seven Sisters' su Rai4

La puntata di “Chi l’ha visto?” in onda domani alle 21.20 su Rai3 ritorna sul caso di Denise Pipitone: l’inchiesta sulla bambina sparita prosegue. A seguire la misteriosa scomparsa di una minorenne e un suo video mandato alla madre da un uomo che dice di sapere dove si trovino molte persone scomparse: chi è esattamente quest’uomo, e perché avrebbe a che fare con gli scomparsi? Come sempre, inoltre, gli appelli, le richieste di aiuto e le segnalazioni di persone in difficoltà.

Domani Rai4 (canale 21 del digitale terrestre) proporrà l’ultimo film della programmazione dedicata a Obiettivo Mondo, iniziativa pensata per promuovere la sensibilizzazione ai 17 punti dell’Agenda 2030 per lo sviluppo della sostenibilità ambientale. Protagonista della serata è il punto 2 dell’agenda 2030: “sconfiggere la fame” (porre fine alla fame, garantire la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un'agricoltura sostenibile). Alle 21.20 andrà in onda il film di fantascienza “Seven Sisters”, diretto dal talento norvegese Tommy Wirkola. Nel cast Noomi Rapace in ben sette ruoli, affiancata da Willem Dafoe e Glen Close. In un futuro distopico in cui la Terra è afflitta dalla sovrappopolazione, il Governo ha imposto la regola del figlio unico. Quando nascono ben sette gemelle omozigote, il loro tutore è costretto a tenerle nascoste e, dando a ognuna di loro il nome di un giorno della settimana, simulare l’esistenza di una sola bambina. Superata la soglia dei 30 anni, Lunedì scompare scardinando l’ordine in cui la famiglia viveva da anni e gettando nel panico le sorelle, che dovranno esporsi per cercarla.

Il collezionismo reale dai tempi della regina Vittoria a Elisabetta II: lo storico dell’arte Andrew Graham-Dixon ne racconta le caratteristiche in "Arte, passione & potere", in onda domani alle 20.20 su Rai5. Dipinti, acquerelli, ceramiche, gioielli, arazzi, libri antichi. Con oltre un milione di pezzi, la Royal Collection della famiglia reale britannica rappresenta una delle più grandi e prestigiose collezioni d'arte del mondo. I suoi capolavori, realizzati da artisti come Van Dyck, Holbein, Leonardo da Vinci, Vermeer, Canaletto e molti altri, tappezzano le pareti del Castello di Windsor, di Hampton Court e di molti altri palazzi, musei e istituzioni in giro per la Gran Bretagna. Ma come è nata questa formidabile raccolta, frutto di una vera passione per l’arte da parte di re e regine? E quali tesori conserva?

Su Rai Movie 'Il sindaco del Rione Sanità' - Menopausa e allergie a 'Elisir' su Rai3

Un classico di Eduardo De Filippo diventa un film, con la regia di Mario Martone, che trasporta ai giorni nostri la pièce teatrale “Il sindaco del Rione Sanità”, in onda su Rai Movie (canale 24 digitale terrestre) domani alle 21.10. Il Sindaco del Rione Sanità, quartiere popolare di Napoli, è Antonio Barracano, un uomo d’onore capace di distinguere le persone per bene dalle carogne. Insieme all’amico medico amministra la giustizia e arriva dove lo Stato non può o non riesce ad arrivare. Chi tiene santi va in Paradiso e chi non ne tiene va da Don Antonio, questa è la regola. Il film è interpretato da Francesco Di Leva, Massimiliano Gallo, Roberto De Francesco, Adriano Pantaleo ed Ernesto Mahieux. A seguire, il magazine di informazione cinematografica “MovieMag” che dedicherà al film un approfondimento.

Nella puntata di “Elisir”, in onda su Rai3 domani alle 11, Michele Mirabella e Benedetta Rinaldi parleranno di vampate di calore, sudorazione, sbalzi d'umore nelle donne quando arriva la menopausa. Cosa si può fare per prevenire o combattere questi fastidiosi inconvenienti? Ad affrontarlo la dottoressa Patrizia Forleo, ginecologa all’Ospedale Fatebenefratelli di Roma. La primavera è spesso sinonimo di allergie. Quali sono i test più efficaci per verificare se si hanno questi problemi? Se ne discuterà nella seconda parte della puntata, con Alessandra Piona, responsabile di Medicina Generale presso l’Ospedale Humanitas San Pio X di Milano e specialista in Allergologia. Nell’ultima parte della puntata si parlerà di sport e di quali attività fisiche sono consigliate, con il dottor Antonio Spadaro, dirigente della Scuola di Medicina dello Sport dell’Università Foro italico di Roma.

Nato nel 1869, Emanuele Filiberto di Savoia riceve l’educazione militare tipica della Real casa. Alto, atletico, raffinato, è molto apprezzato nel bel mondo ottocentesco e sposa la figlia del Conte di Parigi, la bella Helene d’Orleans. Un personaggio analizzato da Paolo Mieli e dal professor Francesco Perfetti a “Passato e Presente” in onda domani alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Nel 1896 Emanuele Filiberto chiede di essere inviato in Africa orientale, ma la disfatta di Adua gli impedisce di partecipare alla guerra. Promosso generale, riprova a partire nel 1910 per la conquista della Libia, ma gli viene preferito il generale Carlo Càneva, mentre la moglie s’imbarca sulla nave ospedale Menfi come crocerossina. Allo scoppio della Grande Guerra, finalmente, il Duca d’Aosta è al comando di una grande unità: la famosa Terza armata, che combatte sul Piave e verrà celebrata per non aver subito nemmeno una sconfitta nel corso del conflitto. Dopo la Marcia su Roma, il duca d’Aosta e la moglie Helene manifestano simpatie verso il regime mussoliniano e, con la loro popolarità, garantiscono legittimazione al fascismo. L’immagine stessa del duca, la sua prestanza fisica e l’oratoria dannunziana, lo avvicinano all’ideale che il fascismo sta elaborando.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza