cerca CERCA
Giovedì 28 Ottobre 2021
Aggiornato: 14:46
Temi caldi

Mondo Rai/appuntamenti e novità

26 maggio 2021 | 20.26
LETTURA: 7 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Domani in prima serata, alle 21.25, su Rai1 torna “Ulisse: il piacere della scoperta” con un nuovo imperdibile appuntamento dedicato a due protagonisti assoluti del Medioevo: San Francesco e Santa Chiara. Il quarto appuntamento di questo inedito ciclo di puntate racconta la vita di Francesco e Chiara: due ragazzi destinati a ereditare gli onori del loro stato sociale ma che si accorgeranno che quel modo di vivere non li soddisfa e sceglieranno una strada nuova: la loro. Con Alberto Angela scopriremo un’Assisi inedita, vuota a causa della pandemia. Tra i vicoli della città, lì dove si è svolta la vicenda di Francesco, ripercorreremo le tappe fondamentali del suo percorso verso la fede: dalla chiesa di San Damiano, dove secondo la tradizione le parole di un crocifisso cambiano per sempre la sua esistenza, alla Porziuncola ora situata dentro la Basilica di santa Maria degli Angeli, che diventa il suo quartiere generale e quello dei ragazzi che si uniranno a lui. A loro si aggiungerà una ragazza nobile, Chiara. Sfuggita a un destino che la voleva moglie e madre, rivelerà nel tempo tutta la sua grandezza. È la prima donna nella storia che scrive una Regola per il suo ordine, ottenendo la bolla da parte di Papa Gregorio IX. Nel Sacro Convento di Assisi Alberto Angela ‘accolto da Padre Moroni’ e da Sergio Fusetti, restauratore della Basilica di San Francesco, salirà fino alle vele del tetto per seguire l’importante restauro dei celestiali affreschi di Giotto e dei giotteschi. Nell’Eremo delle carceri rivivremo le atmosfere di meditazione e preghiera proprio nella grotta del poverello di Assisi. Ulisse farà infine tappa al Santuario di Greccio, nella valle del reatino molto cara al santo. Insieme alla medievalista Chiara Frugoni, la massima esperta degli studi sul santo, tracceremo gli aspetti più sovversivi di Francesco. La storia di un uomo che, senza mai chiedere privilegi alla Curia, lavora insieme ai suoi compagni ovunque si possa aiutare qualcuno. In cambio non accettano danaro, perché la povertà ha un valore e vuol essere liberi: liberi di amare senza riserve. Sarà proprio questo a scandalizzare i suoi contemporanei, in un momento molto intenso dello sviluppo economico d’Europa. Tra crociate e paure delle epidemie, il cuore semplice di Francesco risulta spiazzante. Qualcuno lo adorerà, per altri è solo un balordo da bullizzare. Francesco risponderà con il suo marchio distintivo: “l’amore della povertà mai disgiunto dalla letizia”. Francesco troverà il suo tesoro tra i poveri e i lebbrosi. E il Dio che tanto amava tra gli ultimi.Oggi un altro Francesco, ha fatto del santo di Assisi la sua luce guida. Tanto da avere scelto questo nome in suo onore: il Santo Padre.

Tornano le storie di femminicidio, raccontate da Veronica Pivetti in “Amore Criminale”, in onda domani alle 21.20 su Rai3. Il linguaggio è sempre quello della docufiction, dove alla voce narrante di Veronica Pivetti si alternano interviste ai testimoni diretti, materiale di repertorio e ricostruzioni di fiction. La sesta puntata sarà dedicata alla storia di Francesca, una ragazza che nella relazione di coppia ha subito violenze fisiche e psicologiche, in una storia d’amore durata tre anni, caratterizzata da umiliazioni e maltrattamenti. I due ragazzi si conoscono in piscina. Lei resta folgorata dalla personalità di Giacomo, che sembra colmare i vuoti sentimentali della giovane donna. Sviluppa una vera e propria dipendenza nei confronti dell’uomo amato, che la porta a sopportare le brutalità alle quali è sottoposta. L’apice viene raggiunto durante un fine settimana nel quale per Francesca iniziano giorni terrificanti di violenza continua, giorni in cui sfiora la morte. Con grande coraggio riesce a scappare e a chiedere aiuto, salvandosi da quell’inferno. “Amore Criminale” è realizzato in collaborazione con la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri e con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Un format La Bastoggi, prodotto da Palomar.

Il primo concerto del 2021 con il pubblico presente alla Scala, ma anche l’occasione per ricordare il 75esimo anniversario della riapertura della sala del Piermarini dopo gli anni della dittatura, la guerra e il bombardamento con lo storico concerto diretto da Arturo Toscanini l’11 maggio 1946. E’ il concerto che Coro e Orchestra del Teatro guidati dal Direttore Musicale Riccardo Chailly, hanno eseguito il 10 maggio e che Rai Cultura ripropone domani alle 21.15 su Rai5. Il programma musicale segna il ritorno di Riccardo Chailly a Wagner, un autore molto eseguito dal Maestro in passato e recentemente ripreso nella serata “…a riveder le stelle” dello scorso 7 dicembre, tramessa da Rai Cultura su Rai1. Il concerto include anche pagine di Henry Purcell, Richard Strauss, Pëtr Il’ič Čajkovskij e naturalmente di Giuseppe Verdi: si ascolteranno brani da Tannhäuser, Die Meistersinger, Ariadne auf Naxos, La dama di picche, La forza del destino, Macbeth e Nabucco. Il concerto è anche l’occasione per il debutto scaligero del soprano Lise Davidsen, probabilmente l’artista wagneriana in più brillante ascesa dei nostri anni.

Su Rai Movie 'Fuori controllo' con Mel Gibson - Su Rai Storia 'a.C.d.C.'

Mel Gibson è il protagonista di “Fuori controllo”, il film diretto da Martin Campbell, che Rai Movie (canale 24 del digitale terrestre) propone domani alle 21.10. Thomas Craven è un veterano detective della omicidi al Dipartimento di polizia di Boston e un padre single. Quando la sua unica figlia, la ventiquattrenne Emma, viene uccisa sulla porta di casa, tutti presumono che il vero bersaglio fosse lui. Ma presto l’uomo inizia ad avere dei sospetti e si imbarca in una rischiosa missione per scoprire la doppia vita della figlia che ne ha provocato l’omicidio. Nel cast anche Ray Winstone, Danny Huston e Bojana Novakovi.

L’Ordine dei Cavalieri Templari, monaci e soldati professionisti allo stesso tempo, nasce per consolidare la presenza cristiana in Terrasanta. La ‘crociata permanente’ esige un impegno economico senza precedenti. Donazioni e privilegi fanno dei Templari, maestri nell’arte di generare ricchezza, una potenza multinazionale, banchieri di sovrani e nobili. È il secondo episodio della serie “La vera storia dei Cavalieri Templari”, in onda domani alle 21.10 in prima visione su Rai Storia per “a.C.d.C.”, con l’introduzione del professor Alessandro Barbero.

È interamente dedicato al repertorio francese il concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai in diretta domani alle 20 su Radio3 per Il Cartellone di Radio3 Suite e in live streaming su www.raicultura.it. dall’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino. Protagonisti il grande soprano Anna Caterina Antonacci, che ha fatto della Francia e della cultura francese i suoi territori d’elezione e, sul podio dell’Orchestra Rai, Maxime Pascal, fra direttori i più versatili della sua generazione. Dopo aver incarnato Cleopatra ne La mort de Cléopâtre di Hector Berlioz nel 2019, Anna Caterina Antonacci interpreta Poème de l’amour et de la mer per voce e orchestra op. 19, opera singolare e tra le più importanti di Ernest Chausson. Scritta tra il 1882 e il 1892, su testi dell’amico poeta Maurice Bouchor, solo undici anni dopo – l’8 aprile 1893 – fu presentata per la prima volta al pubblico della Salle Erard di Parigi nella sua versione con orchestra. Nel programma del concerto, inoltre, due pagine di Maurice Ravel: i Valses nobles et sentimentales (Valzer nobili e sentimentali) e La valse. Composti nel 1911 nella versione per pianoforte, i Valses nobles et sentimentales furono poi orchestrati per il balletto Adélaide ou le language des fleurs (Adelaide o il linguaggio dei fiori), andato in scena per la prima volta a Parigi nel 1912 con lo stesso Ravel sul podio. La valse nacque invece sotto l’impulso dell’impresario dei Ballets russes Sergei Diaghilev, che incoraggiò l’autore a comporre un poema coreografico per poi rifiutarsi di ricavarne un balletto. Solo dopo otto anni dalla stesura definitiva, La valse fu messo in scena nel 1928 all’Opera di Parigi, grazie all’intuito della mecenate e danzatrice Ida Rubinštejn, riscuotendo un caloroso successo da parte del pubblico.

Il ministro Garavaglia a 'Porta a Porta' su Rai1 - Tosse, lenti a contatto e germogli a 'Elisir' su Rai3

Sarà il ministro del turismo, Massimo Garavaglia, l’ospite della puntata di “Porta a Porta” in onda domani alle 23.50 su Rai1. Il ministro sarà intervistato da Bruno Vespa sull’attualità politica e sulle prospettive del turismo, nell’imminenza dell’inizio della stagione estiva.

Nella prima parte di “Elisir”, il programma di medicina in onda domani alle 11.00 su Rai3, condotto da Michele Mirabella e Benedetta Rinaldi, si parlerà della tosse, perché non tutti i tipi di tosse sono uguali. Il professor Marco Radici, direttore dell'Unità operativa complessa di Otorinolaringoiatria dell'Ospedale Fatebenefratelli di Roma, spiegherà le differenze e le conseguenze della tosse. In alcuni casi, invece, quando si ha un difetto della vista, si possono usare le lenti a contatto come supporto, al posto degli occhiali. Ma tutti possono usarle indistintamente? Ci sono controindicazioni per alcuni tipi di occhio? Lo dirà Stefano Miglior, Direttore di Oculistica del Policlinico di Monza. I germogli, infine, sono il prodotto del seme vegetale e rappresentano un alimento sano e naturale. Quali sono quelli commestibili? Se ne parlerà nello spazio nutrizione, con la professoressa Anna Villarini, biologa nutrizionista all'Istituto nazionale dei tumori di Milano.

È tra i più blasonati ritrattisti italiani, amatissimo per l’intensità del suo stile dai più noti personaggi dello spettacolo e della cultura come Claudio Baglioni, che segue da più di venti anni, ma anche Roberto Benigni, Bernardo Bertolucci, Citto Maselli, Valeria Golino, Giancarlo Giannini, Bigas Luna. Il documentario “Dobici. 20 anni di fotografia”, in onda domani alle 19.20 su Rai5, offre una panoramica sul lavoro del fotografo Alessandro Dobici attraverso i luoghi, i volti di gente comune e di personaggi celebri della cultura e dello spettacolo, dalla metà degli anni Novanta ai nostri giorni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza