cerca CERCA
Venerdì 03 Febbraio 2023
Aggiornato: 07:50
Temi caldi

Milan

"Montella scelto per il bel gioco", Galliani presenta il neo allenatore rossonero

07 luglio 2016 | 13.36
LETTURA: 4 minuti

alternate text

"Montella è stato scelto oltre che per i risultati che ha ottenuto anche per il bel gioco con cui li ha ottenuti. Vincenzo fa del gioco il suo credo e gioca nel modo in cui pensiamo da 30 anni che si debba giocare". L'amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, spiega la scelta di Vincenzo Montella come allenatore della squadra rossonera.

"Montella è stato vicino al Milan due anni fa ma non c'erano le condizioni per cui si potesse realizzare - aggiunge Galliani nella conferenza stampa di presentazione dell'allenatore napoletano -. Adesso si è riaperta l'opportunità e voglio ringraziare Massimo Ferrero che l'ha liberato con grande fair play. Ieri sera siamo stati a cena insieme al presidente Berlusconi e ha avuto modo di conoscerlo e ha avuto la sua benedizione. Tutte le componenti del Milan sono vicine a Vincenzo Montella".

Infine l'ad rossonero evito di parlare di mercato: "Stiamo lavorando attivamente, io sono subissato a ogni ora del giorno su domande di mercato e scappo e non dirò cose neanche oggi. Perciò meglio che stia zitto, perché ogni cosa può ritorcersi contro di me".

"I risultati non si ottengono con una sola componente ma è strano, impensabile e inaccettabile che il Milan non sia nelle coppe europee da tre anni. Questo è il nostro obiettivo, attraverso le mie idee di calcio, rientrare in Europa". Inizia così l'avventura di Montella come nuovo allenatore del Milan, definendo subito l'obiettivo dei rossoneri per la prossima stagione.

"Da quando alleno ho sempre pensato a migliorare. I miei sogni da bambino non sono quelli da adulto, ho sempre pensato solo a lavorare. Sono felicissimo di essere qui, sento grande responsabilità ed energia, non solo per trasmetterla a me stesso ma anche alla squadra, che è quello che fa la differenza. Anche dopo la chiamata ci ho pensato poco. Sono molto entusiasta e molto concentrato sul lavoro. Sono stati giorni faticosi per conoscere il mondo Milan, ma oggi mi sento più libero e pronto per lavorare sul campo".

Montella con Galliani ha incontrato Berlusconi a cena. "Incontrarlo è stata una grande emozione, con il suo arrivo e il suo modo di fare calcio ha cambiato il calcio in Italia. Ha fatto innamorare noi ragazzini. Ero un po' emozionato. L'ho trovato bene, ha grande carisma quindi è stata una bella serata". Il nuovo allenatore rossonero non è preoccupato per il gioco. "Il Milan deve giocare bene, non ho paura di questo. Noi dobbiamo portare avanti il nostro modello di gioco che poi è lo stesso che ha reso grande il Milan negli anni".

Sul mercato il tecnico ha spiegato: "Noi dobbiamo portare avanti un'idea che è stata sposata da me e dal Milan. Per fare questo si scelgono i giocatori più funzionali, io ovviamente darò delle indicazioni". Poi sugli obiettivi di mercato ha aggiunto: "Non è affatto vero che ho chiamato Borja Valero, è solo un pettegolezzo. Vanno scelti giocatori funzionali al progetto che si vuole portare avanti, se poi conoscono già il mio modo di lavorare e il mio gioco tanto meglio. Detto questo, Borja Valero è un giocatore che mi piace e mi è sempre piaciuto".

Per quanto riguarda le priorità del mercato, Montella ha proseguito: "Io e la società ci parliamo costantemente. Io ora devo valutare i giocatori che ho senza pregiudizi, vedere la loro voglia di vincere e la loro motivazione, poi valuterò la loro funzionalità al progetto".

Sul Milan del passato: "Mi sono innamorato della squadra di Sacchi. Poi da professionista è stato messo in un cassetto, ora sono tornato per qualche ora bambino", ha aggiunto il tecnico rossonero che sui problemi del Milan ha proseguito: "Se il Milan non va tre anni nelle coppe qualcosa non va. Qualcosa da mettere a posto c'è e dovrò farlo nel migliore dei modi". E sulla mancanza di personalità: "Lo si dice di tante squadre. Serve che i giocatori abbiano sicurezze tattiche e sul modo di giocare".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza