cerca CERCA
Sabato 19 Giugno 2021
Aggiornato: 11:40
Temi caldi

Morbidelli: "Secondo posto MotoGp brucia un po', speciale essere compagno di Rossi"

04 dicembre 2020 | 11.35
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Franco Mobidelli

"La stagione della MotoGp è stata molto complicata per il covid, il programma di gare che abbiamo dovuto rispettare è stato molto duro. Una gara dietro l'altra, non c'era tempo di respirare ed era difficile mantenere la concentrazione alta e il passo. Poi ci sono stati degli episodi scioccanti in generale, in tutte le categorie, con cadute impressionanti, piloti che si sono presi il covid, tante sorprese, ma direi è stato un bel mondiale". Sono le parole del vice campione del mondo della MotoGp 2020 Franco Morbidelli, all'Adnkronos, sulla stagione della MotoGp da poco conclusa che lo ha visto arrivare secondo dietro a Joan Mir. Il pilota ha preso parte, a bordo di una Hyundai i20 R5 di Hyundai Rally Team Italia targata Withu Motorsport, alla tappa del Mondiale Rally a Monza. "La proposta di guidare una macchina da rally è stata completamente inaspettata, mi è stato proposto da Matteo Ballarin, il capo supremo di Withu, il mio sponsor, quando ero a Portimao ed io ho accettato, senza sinceramente sapere che fosse una gara del Mondiale rally, ma pensavo fosse il solito Monza Rally Show e invece dopo la gara ho scoperto che era una tappa del Mondiale, ma comunque sono contento perché non ci può essere situazione migliore per imparare", ha confessato Morbidelli.

"Il secondo posto dietro a Mir brucia? In realtà mi dà una doppia sensazione: mi brucia ma sono anche contento. Anzi sono più contento che deluso, perché guardo il bicchiere mezzo pieno. Ho fatto tanti bei risultati, ho vinto tre gare. Devo essere più contento che deluso. E' ovvio che guardando al livello che avevamo, soprattutto da metà campionato in poi, e se guardiamo i punti che abbiamo lasciato in giro, non per colpa nostra, un po' di amaro in bocca mi viene ovviamente, ma è molto di più il dolce", ha sottolineato Morbidelli.

"Valentino Rossi compagno di scuderia il prossimo anno? Sono stato molto contento quando l'ho saputo e sono molto contento adesso. Essere compagno di squadra con Vale è una cosa bellissima, siamo amici da tantissimo tempo, io sono qui grazie a lui, e quindi correre in squadra con lui è una storia speciale, sono molto contento", ha aggiunto il vice campione del mondo della MotoGp 2020, Franco Morbidelli, all'Adnkronos, parlando di Valentino Rossi suo mentore e scopritore con l'Accademy e futuro compagno di squadra nella prossima stagione alla Yamaha Petronas.

"Una lotta interna e per il titolo tra me e Rossi l'anno prossimo? Non lo so, dovremo fare un ottimo lavoro tutti e due. Più che una lotta interna speriamo che entrambi saremo in grado di lottare per delle posizioni importanti", ha aggiunto Morbidelli che come favorito per il titolo l'anno prossimo vede "sicuramente Joan Mir. Il vincitore del titolo dell'anno prima è sempre il favorito dell'anno dopo. Marquez? Non conosco i dettagli del suo infortunio e non so come sta adesso".

Morbidelli fa parte dell'Academy di Valentino Rossi ed è stato uno dei primi ad esserne pilota membro. La VR46 Riders Academy lo ha aiutato molto nella sua carriera, ma soprattutto i due sono amici. "Con Vale mi piace trascorrere del tempo in tranquillità da amici, stare a casa a guardare un film, raccontarsi due cavolate davanti ad un bicchiere di birra, delle cose semplici", ha raccontato il pilota romano che la prima volta che ha incontrato Rossi è caduto: "Ero talmente emozionato che sono caduto dalla moto perché l'ho visto in pista...", ha raccontato con il sorriso.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza