cerca CERCA
Giovedì 08 Dicembre 2022
Aggiornato: 05:19
Temi caldi

"Mosca non annetterà altro", la promessa di Putin dopo la Crimea nel 2014

30 settembre 2022 | 18.25
LETTURA: 1 minuti

"Difenderemo gli interessi di russi e russofoni in Ucraina solo con strumenti politici e diplomatici"

alternate text

Nel discorso al Cremlino del 18 marzo del 2014, per la firma dell'accordo di adesione di Crimea e Sebastopoli alla Federazione russa, Putin aveva assicurato che la Russia avrebbe sempre difeso "gli interessi dei milioni di russi e russofoni che vivono in Ucraina", precisando tuttavia che questo sarebbe avvenuto solo con strumenti "politici, diplomatici e giuridici". La Russia - aveva aggiunto- ''non vuole assolutamente l'annessione dell'Ucraina".

"Non credete a coloro che vogliono spaventarvi con la Russia. L'Ucraina non ci serve", aveva scandito il Presidente russo, sottolineando che la Crimea invece "è sempre stata parte della Russia".

Agli ucraini Putin aveva garantito: "Non vogliamo farvi del male, o ferire i vostri sentimenti per il vostro Paese, in alcun modo. Abbiamo sempre rispettato l'integrità territoriale dell'Ucraina. Ascoltatemi, cari amici: non credete a coloro che vogliono che voi abbiate paura della Russia, sostenendo che ci saranno altre regioni (ad essere annesse, ndr) dopo la Crimea. Non vogliamo dividere l'Ucraina, non ne abbiamo bisogno. La Crimea è e rimarrà russa".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza