cerca CERCA
Sabato 21 Maggio 2022
Aggiornato: 01:11
Temi caldi

Social

Movimento Arturo, tre candidati e un seggio per le primarie 'fake'

29 aprile 2017 | 14.01
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Foto da Twitter @MovimentoArturo)

Tre candidati, un unico programma e un solo seggio nazionale, oltre a quelli virtuali. Sono le primarie del Movimento Arturo, il movimento 'fake' di sinistra lanciato dal team di 'Gazebo', il programma cult di Rai3 condotto da Diego Bianchi, in arte Zoro. Il surreale esperimento si sposta oggi - con un giorno di anticipo rispetto alle primarie del Pd di cui è la parodia - dai social ai gazebo, anzi al seggio nazionale, aperto dalle 11 in via Monte Asolone a Roma.

Sull'account Twitter del Movimento, che sta seguendo in diretta tutte le 'operazioni di voto', si spiega che al seggio allestito nella capitale "si può votare di persona personalmente fino alle 15 di oggi". In uno dei video postati sul social network si vedono due dei tre candidati, Zoro e Andrea Salerno (assente Makkox), che si presentano in via Monte Asolone per votare. Tra gli elettori spunta anche il giornalista Marco Damilano. E come in ogni competizione elettorale che si rispetti arrivano i primi dati sull'affluenza: intorno alle 13 si contano 200 elettori al seggio nazionale.

Sul sito www.arturita.com si trova un ironico vademecum alle primarie 'fake' in cui si sconsiglia di votare tra l'altro "a chi non ha mai visto Gazebo", "a chi si esprime con un 'non sono razzista, ma…'” e a "chi si stufa prima della fine di uno spiegone di Marco Damilano, o di un momento Schianchi". I candidati intanto fanno i primi bilanci. "È stata una campagna elettorale esaltante - scrive su Twitter Andrea Salerno - forse perché non l'abbiamo fatta".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza