cerca CERCA
Lunedì 05 Dicembre 2022
Aggiornato: 19:38
Temi caldi

Mps: Morelli punta sul mercato, 5 miliardi entro il 31 dicembre

12 dicembre 2016 | 20.36
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Mps va avanti da sola e prova a raccogliere sul mercato i soldi necessari per l’aumento di capitale chiesto dalla Bce. Ai dipendenti l’amministratore delegato Marco Morelli ha inviato un video messaggio ed è stato chiaro: ''è una fase cruciale'' e ''siamo pronti a ricorrere a tutte le misure possibili per mettere in sicurezza la banca''. Si parte dal mercato. Entro il 31 dicembre vanno trovati i 5 miliardi necessari per rafforzare i requisiti patrimoniali. Sullo sfondo aleggia il decreto per l’intervento dello Stato, ma il cda è convinto di farcela. ''Mps tornerà ad avere un ruolo importante’'' ha detto ancora il numero uno di Rocca Salimbeni.

Il board dovrebbe riunirsi mercoledì così da mettere a punto gli ultimi dettagli dell’operazione mentre le banche coinvolte sono pronte a far partire un collocamento lampo il giorno dopo la riunione del consiglio di amministrazione e provare a raccogliere un miliardo e mezzo. Per ora il Quatar sembra intenzionato a proseguire l’investimento gettando nel piatto una fiche da 1 miliardo. E 1 miliardo arriva dalla conversione dei bond istituzionali, mentre la conversione dei bond subordinati da parte dei clienti retail, se la formula studiata dalla banca senese troverà il via libera della Consob, potrebbe portare tra 1 e 1,5 mld, considerato che è aperta agli oltre 2 miliardi in obbligazioni in mano a 40mila sottoscrittori.

Ad oggi, fanno sapere fonti vicine all’Authority "la Consob ha ricevuto soltanto una informativa preliminare e sommaria sul cda di ieri". Resta il collocamento. Le banche hanno già chiarito che non faranno da garanti. E se in Borsa il titolo guadagna (+3,6%), in Europa si guarda con attenzione alle mosse italiane. In questa fase non ci sarebbero negoziati in corso, ma sulla tratta Bruxelles-Roma lo scambio di informazioni è fitto. Il vicepresidente della Commissione Europea Valdis Dombrovskis "è in contatti costruttivi con le autorità italiane" ha detto il vice portavoce capo della Commissione Europea Alexander Winterstein, durante il briefing con la stampa a Bruxelles. Se Morelli non ce la farà allora il dossier passerà nelle mani del commissario alla Concorrenza Margrethe Vestager. Una ricapitalizzazione precauzionale con l'intervento pubblico, prevede, secondo le regole europe, il 'burden sharing', cioè la condivisione degli oneri, con la penalizzazione degli azionisti e degli obbligazionisti subordinati (meno pesante del bail-in, che coinvolge anche altre categorie di creditori).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza