cerca CERCA
Mercoledì 04 Agosto 2021
Aggiornato: 17:14
Temi caldi

Paura

Muore di peste in Utah, è la quarta vittima in Usa da aprile

28 agosto 2015 | 12.08
LETTURA: 3 minuti

Sono stati undici i casi nel 2015

alternate text
(Infophoto)

Una persona anziana è morta nello Utah dopo aver contratto la peste, portando a quattro il numero complessivo di vittime per la malattia da aprile negli Stati Uniti. E' quanto riporta la Cnn, spiegando che gli epidemiologi ipotizzano che "potrebbe averla contratta da una pulce o dal contatto con un animale deceduto, ma sulle origini del contagio è stata aperta un'inchiesta". Nel 2015 sono state dodici le persone contagiate in Colorado, Arizona, New Mexico, California, Georgia e Oregon. Oltre al residente nello Utah, le altre tre vittime sono di età diverse: 16, 52 e 79 anni. Quest'anno alcuni casi sono stati segnalati in Georgia e California sono stati collegati a visite al parco nazionale di Yosemite.

L'uomo, deceduto questo mese, riporta la Cnn, non aveva viaggiato nelle zone in cui è più diffusa la patologia, trasmessa in genere dal morso di roditori infetti, come topi o scoiattoli. Per lo Utah si tratta del primo caso di peste, registrato nell'uomo dal 2009, ha sottolineato JoDee Baker del Dipartimento sanitario dello Stato americano. Ogni anno vengono invece riferiti episodi di infezione fra gli animali, specie nelle aree rurali. L'agente infettivo della peste è il batterio Yersinia pestis, naturalmente presente nell'habitat tipico dei roditori selvatici. La malattia si cura somministrando specifici antibiotici. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention americani (Cdc), ricorda ancora la Cnn, quest'anno il numero di casi di malattia è più alto del solito. I Cdc hanno quindi invitato i medici a prestare particolare attenzione a segnali d'allarme come febbre e linfonodi ingrossati, specie nelle persone che hanno viaggiato in aree in cui il batterio è più diffuso.

I sintomi di solito si sviluppano tra i due e i sei giorni, dopo l'esposizione. Essi comprendono una sensazione di malessere generale, febbre improvvisa, dolori addominali, nausea e vomito. La malattia può essere trattata con successo con gli antibiotici, ma solo se viene subito diagnosticata e la cura inizia immediatamente.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza