cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 23:28
Temi caldi

Previdenza: Muratorio (Inarcassa), imprenditori di welfare integrato

03 luglio 2014 | 13.06
LETTURA: 4 minuti

Il Comitato nazionale dei delegati ha approvato il Bilancio consuntivo 2013 della Cassa di previdenza.

alternate text

"Porre gli associati al centro di tutte le scelte: è questo il nostro impegno e la nostra strategia; da qui l'introduzione di pensioni minime a favore degli iscritti anziani e le agevolazioni alle contribuzioni per quelli più giovani; il programma di finanziamenti volto a sostenere l'attività dei liberi professionisti in difficoltà; la possibilità di coniugare previdenza, assistenza con altre prestazioni e servizi tipici di un 'produttore' di welfare integrato". Ad affermarlo in una nota è Paola Muratorio, presidente di Inarcassa, dopo che nei giorni scorsi il Comitato nazionale dei delegati ha approvato il Bilancio consuntivo 2013.

Un pacchetto di iniziative, sottolinea Muratorio, "in cui abbiamo investito 98 milioni di euro per il 2013 a fronte, nello stesso periodo, di 79 mln di euro di nuove pensioni erogate". "Non dobbiamo dimenticare infatti, che circa 40.000 ingegneri e architetti (il 27% degli iscritti attivi) versano in condizioni economiche al di sotto della soglia di povertà. E' anche, ma non solo, compito della Cassa contribuire a creare le condizioni perché questi colleghi recuperino accettabili livelli di dignità nel lavoro", aggiunge.

Il 2013 è il primo esercizio nel quale hanno iniziato ad operare le riforme discusse e deliberate negli anni passati; un processo che permette di interpretare in modo innovativo il ruolo istituzionale di Inarcassa. L'associazione oggi dispone della flessibilità strategica tipica di un operatore di welfare di elevata qualità, che ha saputo sviluppare importanti servizi mirati alla sicurezza sociale, alla tutela sanitaria e al sostegno della libera professione, in favore di una popolazione cresciuta di numero e tendenzialmente più povera (iscritti: 167.092 di cui 77.597 ingegneri e 89.495 architetti; pensionati: 23.080).

L'articolazione e la completezza degli interventi compiuti hanno consentito risultati superiori alle attese. L'avanzo economico di 787 milioni di euro è dovuto ad una significativa crescita del saldo della gestione previdenziale (606 milioni contro i 518 dell'anno precedente) e testimonia la corretta e prudente conduzione del rapporto tra contributi e prestazioni. Al tempo stesso, il conto economico ha beneficiato del positivo andamento della gestione patrimoniale e della costante riduzione dei costi di struttura derivante dagli ulteriori interventi di efficienza operativa adottati nell'anno. L'incremento del patrimonio netto a 7,3 miliardi di euro e il rendimento del patrimonio gestito per l'esercizio 2013 costituiscono, in continuità con le politiche gestionali e previdenziali, la migliore garanzia della capacità di erogare servizi adeguati nel lungo periodo.

L'attuale contesto economico sembra tuttora non consentire ottimismi nei confronti del futuro delle professioni. Proprio per questo, così come è stato fatto con l'istituzione di Arpinge, società dedicata allo sviluppo di opere infrastrutturali, Inarcassa proseguirà nel suo impegno mettendo a disposizione competenze e risorse a favore delle proprie categorie professionali e di attività di mercato complementari alla sua missione, rafforzando il proprio coinvolgimento sul piano economico e finanziario nazionale. Solo così potrà contribuire a stimolare la domanda di investimenti e l'assunzione di rischi, variabili queste che consentono una crescita stabile dell'economia del Paese.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza