cerca CERCA
Domenica 13 Giugno 2021
Aggiornato: 19:08
Temi caldi

Napoli, avvocato Senese: "Resti vittime lupara bianca, scavato personalmente con ruspe"

12 agosto 2020 | 21.00
LETTURA: 2 minuti

Si tratta di tre uomini, uccisi undici anni fa, in una delle tante faide tra scissionisti per il controllo della droga. Decisivo per il ritrovamento il lavoro del difensore di Carmine Amato e Francesco Biancolella in carcere per quegli omicidi. "Ho deciso di occuparmene per far luce sull'accaduto" dice il penalista all'Adnkronos

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma)

Sono stati ritrovati i resti di tre vittime della 'lupara bianca', tre uomini uccisi undici anni fa in una delle tante faide tra scissionisti per il controllo della droga a Napoli. Si tratta del boss Francesco Russo, del figlio Ciro e dell'autista Vincenzo Moscatelli - uccisi e fatti scomparire nel 2009 - rinvenuti nei pressi della Circumvallazione di Mugnano (Napoli). Decisivo per il ritrovamento dei resti il lavoro dell'avvocato Luigi Senese, difensore di Carmine Amato e Francesco Biancolella in carcere per quegli omicidi.

"Un'indagine difensiva che ho svolto in prima persona da tanti anni - racconta il penalista all'Adnkronos - da marzo 2014 quando un pentito, Carmine Cerrato, aveva dichiarato di sapere dove fossero seppelliti i cadaveri. Nel 2015 la Distrettuale Antimafia si attivò, procedette allo scavo, ma non trovò nulla. Il pentito dichiarò che i cadaveri fossero stati spostati. Da quel giorno decisi di scavare personalmente, di occuparmene per fare luce sull'accaduto, naturalmente comunicando sempre tutto alla Procura".

"Il mio cliente, Francesco Biancolella, si è sempre dichiarato innocente, mentre Carmine Amato, altro mio assistito, ha confessato l'omicidio, ma mai lo spostamento dei tre cadaveri - continua l'avvocato - Ho iniziato questi nuovi scavi che, per un mese, non hanno portato a nulla. Le ruspe sono arrivate a 1500 metri di profondità. Poi abbiamo deciso di cercare in un'altra zona. 4 giorni fa la svolta: i resti sono stati ritrovati e appartengono proprio a Francesco e Ciro Russo e al loro autista Vincenzo Moscatelli". I due imputati per questi omicidi, Francesco Biancolella e Carmine Amato sono attesi in Corte di Assise Appello per il processo di secondo grado.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza