cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 04:00
Temi caldi

Arte: Napolitano e consorte a vernissage antologica di Cinzia Cotellessa

05 ottobre 2014 | 12.28
LETTURA: 4 minuti

Esposte fino al 12 ottobre, con il titolo "Mutazioni. Percorsi di vita con l’Arte", oltre 150 opere della pittrice: dai "Ribbons", nastri fluttuanti o aggrovigliati che escono liberi dall’immagine rarefatta di un cielo o di uno sfondo nero alla "Sedia Antropomorfa", opera dal significato criptico che vuol essere la rappresentazione di un desiderio

alternate text
Giorgio e Clio Napolitano all'inaugurazione della personale di Cinzia Cotellessa, con l'artista

Ieri sera il Capo dello Stato Giorgio Napolitano e la moglie Clio sono intervenuti, al Complesso Monumentale dei Dioscuri al Quirinale, al vernissage della mostra “Mutazioni. Percorsi di vita con l’Arte”, l’antologica dedicata a Cinzia Cotellessa promossa dall’Associazione Brutium: I calabresi nel mondo, visitabile fino al 12 ottobre (dal lunedì al sabato con orario 10.00-13.00 e 14.30-18.00 e ingresso libero).

Nel corso della visita il Capo dello Stato e la signora Clio, prima di prendere parte alla presentazione dell’esposizione, si sono soffermati davanti ai pezzi per apprezzarne tecniche e soggetti; al termine della serata, dopo il brindisi inaugurale, l’artista ha donato loro un pezzo, uno splendido puttino.

Tanti i personaggi del mondo della cultura, delle istituzioni e dello spettacolo che si sono dati appuntamento per l'inaugurazione: dal critico d’arte Achille Bonito Oliva alla Contessa Teresa Poli Sandri, da Luigi De Simone a Daniela Jacorossi a Rosanna Lambertucci, giornalista, scrittrice e conduttrice del programma “Più Sani più Belli” per 16 anni in onda su Rai Uno, e ancora Claudio D’Alessio, figlio primogenito del cantante Gigi, il Pr Claudio Nucci, Natalie Caldonazzo, attrice e showgirl italiana, nonché ultima compagna di Massimo Troisi.

Numerosi i relatori che hanno illustrato le diverse tappe artistiche attraverso le quali è passata la pittura della Cotellessa, da Gemma Gesualdi, Presidente del Brutium, a Rosario Sprovieri, Responsabile del Complesso Monumentale dei Dioscuri al Quirinale, da Marina Piranomonte, Direttore Archeologo Coordinatore della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologi di Roma, al critico e direttore di Ages, Mara Ferloni e al giornalista e conduttore de "Il ruggito del Coniglio" Antonello Dose.

Durante il vernissage c'è stata anche l’esibizione di Giorgia Minnella, etoile presso il Royal Danish Ballet, che a passo di danza ha svelato al pubblico i molteplici significati della "Sedia Antropomorfa", una sanguigna di dimensioni eccezionali destinata a diventare, secondo un progetto della pittrice, l’opera di questo genere più grande al mondo.

Patrocinata dal Mibact e dal Consiglio Regionale del Lazio, l’esposizione racconta un’artista che ha raggiunto un ruolo di primo piano nell’arte contemporanea italiana e internazionale, ottenendo premi e riconoscimenti significativi da critica e pubblico.

Oltre 150 le opere in mostra: dai "Ribbons", nastri fluttuanti o aggrovigliati che escono liberi dall’immagine rarefatta di un cielo o di uno sfondo nero e si annodano o si sciolgono ricercando l’immortalità di un cerchio perfetto, alle "Palle rotte", prodotti minimalisti in tecnica mista e a olio poggiate su di una tela a base quadrata, che, inneggiando alla cracking art; dai ritratti di donne sensuali e carnali realizzati in sanguigna ad "Angeli e Cherubini".

Intensi gli sguardi dei "Guerrieri della Luce", trentatré protagonisti dell’arte (da Michelangelo ad Haring passando per Guttuso, De Chirico, Botero, Ricasso, Klimt, Kalho, Lempicka, Cezanne e tanti altri) omaggiati dall’artista. A chiudere l'esposizione, la "Sedia Antropomorfa", opera dal significato criptico vuol essere la rappresentazione di un desiderio o di semplice proiezione ricostruita attraverso una serie di “scatti” raffiguranti, forse, un uomo e una donna abbracciati e celati da un drappo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza