cerca CERCA
Giovedì 29 Settembre 2022
Aggiornato: 07:42
Temi caldi

Nasce il primo master per formare esperti in digital trasformation

24 novembre 2016 | 16.54
LETTURA: 5 minuti

alternate text

Il Made in Italy da solo non basta più. Le aziende italiane non hanno le competenze digitali per crescere e non si può più perdere tempo. In termini numerici il digital gap delle imprese costa oggi il 2% del Pil e 700.000 posti di lavoro, secondo una ricerca presentata al Forum sull’Economia Digitale 2016. Il problema è legato alla mancanza di una cultura dell’innovazione e della formazione.

Per questo Tag Innovation School, la scuola dell’innovazione di Talent Garden, Cisco Italia e Intesa Sanpaolo hanno deciso di costruire il primo percorso per formare esperti di Digital Transformation specializzati nelle eccellenze del Made in Italy.

Si tratta di un percorso formativo itinerante che unisce 12 settimane full immersion nelle aule di Talent Garden Milano Calabiana, il campus d’innovazione più grande d’Europa con 400 talenti del digital, a 6 settimane di consulenza presso aziende del Made in Italy distribuite sul territorio. Un tour che toccherà 6 città e le rispettive eccellenze: Torino e la smart mobility, Padova e l’industry 4.0, Firenze e il design&fashion, Bologna e l’agri-food tech, Roma e la smart citizenship, Napoli e il travel e logistic tech.

“Il Master in Digital Transformation sposa innovazione e cultura del digitale, due driver di crescita che ben rappresentano anche l’impegno di Intesa Sanpaolo per contribuire allo sviluppo del tessuto imprenditoriale. Il nostro sostegno al Master, e all’attività di Talent Garden in generale, si inserisce a pieno titolo in questo quadro di azione offrendo ai giovani un’occasione di progredire e competere con i migliori talenti europei”, dichiara Vittorio Meloni, direttore centrale Relazioni Esterne Intesa Sanpaolo.

Per Meloni la sfida non si può più rinviare. "C'è un ritardo nelle imprese italiane in cultura digitale e di accesso alle tecnologie digitali per sviluppare nuove attività e cambiare la matrice della loro capacità imprenditoriale. E quindi bisogna investire in formazione. Oggi è il momento giusto per farlo". Non affrontare la trasformazione digitale, aggiunge "diventa decrescita purtroppo non felice del sistema imprenditoriale italiano".

Per Intesa Sanpaolo "la formazione è da sempre una funzione strategica con un piano organico e strutturato di iniziative sviluppate in collaborazione con le più qualificate istituzioni. L’intervento rappresenta quindi un ulteriore importante tassello nell’ambito delle attività che svolgiamo in questo settore”, dichiara Pietro Miraglia, amministratore delegato Intesa Sanpaolo Formazione

Con il master gli studenti avranno l’opportunità di approfondire tematiche legate ai Big Data, al coding, alla user experience, al digital marketing, all’industry 4.0, alle metodologie lean e al leadership management. Il master é riservato a 20 talenti selezionati che parteciperanno grazie a una delle 20 borse di studio a disposizione. Partirà lunedì 20 febbraio 2017, ma le selezioni sono già aperte. Per ottenere una delle 20 borse di studio, i candidati dovranno seguire il processo di selezione sul sito, effettuare il test di selezione e realizzare il proprio progetto.

Secondo Alessandro Rimassa, direttore di Tag Innovation School “con Cisco Italia e Intesa Sanpaolo abbiamo progettato un percorso che aiuti le Pmi del territorio a superare l’attuale stagnazione economica grazie alle opportunità offerte dalla digital economy. Oggi gli investimenti digitali sono lontani dagli standard europei: la media italiana è pari al 4,7% del Pil rispetto al 6,4% nel resto del continente. L’obiettivo è quello di formare esperti in digital transformation in grado di colmare questo gap offrendo soluzioni concrete a piccole e medie imprese e aziende di grandi dimensioni”.

“Questo progetto rispecchia perfettamente l’obiettivo del nostro piano Digitaliani, nato per accelerare la digitalizzazione del Paese: 'contagiare' l’Italia con il digitale perché possa coglierne tutte le opportunità, facendo leva sulle competenze e sullo scambio tra attori tradizionali e nuovi dell’innovazione” spiega Enrico Mercadante, responsabile dei progetti in area innovazione del piano Digitaliani di Cisco. “In questo senso, il Master ha un grande valore aggiunto, perché porta i migliori talenti nel cuore delle aziende e dei territori, creando un percorso che sarà formativo per tutti coloro che saranno coinvolti e che potrà produrre un impatto più ampio e duraturo nel tempo”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza