cerca CERCA
Domenica 16 Gennaio 2022
Aggiornato: 11:36
Temi caldi

Nasce la Fist Cisl per rappresentare tutto il lavoro nel terziario

21 maggio 2014 | 09.43
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Roma, 21 mag. (Labitalia) - Insieme per tutelare il lavoro dipendente, atipico, autonomo e somministrato. Prende vita il progetto di accorpamento annunciato nelle scorse settimane dalle federazioni di categoria della Cisl Fisascat e Felsa, che ieri pomeriggio a Roma hanno formalmente costituito la Fist, la nuova grande Federazione italiana sindacati del terziario, con l'obiettivo di garantire una rappresentanza sindacale adeguata alla composizione dell'attuale mercato del lavoro italiano, caratterizzato dal ricorso sempre più frequente alle tipologie di lavoro flessibile.

A battezzare la nenonata federazione è stato il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni: "Una giornata storica questa che sancisce l'avvio di una nuova nuova forma di rappresentanza del lavoro indipendente. Contrastare le partite Iva fasulle, dare riconoscimento alle forme atipiche e autonome del lavoro e stabilizzare il lavoro nel terziario: è questa la linea che la Cisl sostiene da sempre".

Alla nuova Fist, che coordinerà i sindacati di seconda affiliazione Fisascat e Felsa, è affidato il compito di stabilire gli indirizzi generali delle politiche contrattuali e di rappresentanza da attuare per la promozione e la realizzazione del welfare contrattuale e della bilateralità, per lo sviluppo di politiche previdenziali integrative, oltre che per l'avvio di percorsi di formazione professionale finalizzati alla occupabilità. "La flessibilità non è sinonimo di precarietà - ha dichiarato il segretario generale della Fisascat, Pierangelo Raineri - e un sindacato moderno si deve fare interprete delle evoluzioni del mercato del lavoro e prevedere, nei rinnovi contrattuali di settore, l'estensione dei diritti e delle tutele anche a chi non ha un rapporto di lavoro dipendente".

Un progetto ambizioso, ha spiegato il segretario generale della Felsa, Ivan Guizzardi: "Prevedere percorsi di stabilizzazione anche per chi opera in forma autonoma, atipica e somministrata è uno dei nostri obiettivi. Con questa nuova sinergia puntiamo a un riconoscimento di queste realtà nei contratti nazionali di lavoro".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza