cerca CERCA
Venerdì 22 Gennaio 2021
Aggiornato: 08:19

Navalny: "Torno in Russia"

13 gennaio 2021 | 10.53
LETTURA: 2 minuti

Ma il Servizio Penitenziario federale ha presentato lunedì un ricorso presso il tribunale distrettuale Simonov di Mosca per chiederne l'arresto , citando la violazione dei termini della libertà condizionata che era stata concessa all'oppositore nel quadro del caso "Ives Rocher"

alternate text
- (Afp)
(Adnkronos)

Il dissidente russo Alexei Navalny ha annunciato su Twitter che tornerà in Russia domenica prossima, il 17 gennaio. ''Non mi sono mai posto la domanda se 'tornare o no'. Semplicemente perché non me ne sono andato. Sono finito in Germania in un reparto di terapia intensiva. Il diciassette gennaio, domenica, tornerò in patria su un volo della compagnia Pobeda. Incontriamoci'', ha scritto il dissidente sul suo account ufficiale.

Il Servizio Penitenziario federale ha presentato però lunedì un ricorso presso il tribunale distrettuale Simonov di Mosca per chiederne l'arresto , citando la violazione dei termini della libertà condizionata che era stata concessa all'oppositore nel quadro del caso "Ives Rocher".

La condanna a tre anni e mezzo di carcere per frode del 2014, in seguito sospesa, era terminata il 30 dicembre scorso. Il Servizio penitenziario ha invece denunciato che l'ideatore della politica del 'votate per chiunque che non sia candidato del partito putiniano di Russia unita' che ha ottenuto notevoli risultati alle elezioni locali in tutto il Paese, era guarito e avrebbe dovuto tornare in Russia.

Era stato lo stesso Navalny, ieri, a denunciare la notifica con cui lo si informava del procedimento avviato a Mosca contro di lui. "Putin è così arrabbiato con me per essere sopravvissuto all'avvelenamento che ha ordinato al Servizio penitenziario di chiedere la conversione della condanna sospesa in condanna al carcere effettiva", aveva scritto ieri, meno di 24 ore prima dell'annuncio del suo ritorno in Russia.

Lo scorso dicembre, la Commissione inquirente russa aveva aperto l'ennesima inchiesta contro Navalny, accusandolo di appropriazione indebita dell'equivalente di 4,8 milioni di dollari di donazioni alla Fondazione anti corruzione che dirige. Un'accusa che prevede una condanna fino a dieci anni di carcere.

Lo scorso agosto Navalny era stato avvelenato con il Novichok a Tomsk, dove era intervenuto nella campagna elettorale per le elezioni locali di settembre, e si era sentito male sul volo che lo avrebbe riportato a Mosca, L'aereo aveva fatto un atterraggio di emergenza a Omsk dove era stato ricoverato. Pochi giorni dopo la moglie aveva ricevuto l'autorizzazione del Cremlino per trasferire il marito in coma in Germania, dove si trova tuttora. Tre diversi laboratori europei hanno confermato l'avvelenamento con il Novichok.

"Stanno facendo il possibile per spaventarmi. Manca solo che Putin issi un cartello gigante sul Cremlino con su scritto, 'per favore, Aleksei, non tornare per nessun motivo'", ha dichiarato Navalny su Dw. "Ma non ho scelto io di andare in Germania. E' un grande Paese, ma non ho scelto io di venirci. Ci sono arrivato perché hanno cercato di uccidermi", ha aggiunto.

"Questa mattina, mentre facevo la mia ginnastica di routine, come faccio oramai da mesi, ho realizzato di essere quasi guarito. E che posso fare il resto della mia convalescenza a casa. Quindi, domenica 17 torno a Mosca su un volo della Pobeda. Venite ad accogliermi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza