cerca CERCA
Domenica 25 Settembre 2022
Aggiornato: 16:25
Temi caldi

Mare: nel fine settimana 'Spiagge e fondali puliti' con Legambiente

22 maggio 2014 | 17.11
LETTURA: 3 minuti

Tanti gli appuntamenti per mettere in campo una grande pulizia collettiva dei litorali da ogni tipo di rifiuto abbandonato, grande e piccolo.

alternate text

''Riscopriamo il piacere di occuparci dei nostri territori: il 23, il 24 e il 25 maggio unisciti alle nostre iniziative lungo la Penisola per liberare le spiagge e i fondali dai rifiuti''. Con questo invito, come ogni anno alla vigilia dell'estate, Legambiente rinnova l'appello a tutti gli amanti del mare, a partecipare a "Spiagge e fondali puliti". Tanti gli appuntamenti nel fine settimana per mettere in campo una grande pulizia collettiva dei litorali da ogni tipo di rifiuto abbandonato, grande e piccolo.

''Il mare e le spiagge non sono terra di nessuno, ci appartengono - dice Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente - Rappresentano un patrimonio nazionale di inestimabile valore che il resto del mondo ci invidia. Facciamo la nostra parte per proteggere questa immensa ricchezza dalle insidie dell'inquinamento e dell'illegalità''. La tre giorni, organizzata da Legambiente in collaborazione con Cial, Mareblu, Virosac e la Campagna di promozione del sughero, sarà l'occasione per denunciare gli abusi consumati ai danni del mare, rivendicare il diritto di libero accesso alle spiagge per tutti, promuovere il turismo sostenibile e stili di vita compatibili con la salute dell'ambiente.

Ma c'è anche una novità. I volontari di Legambiente, quest'anno, saranno protagonisti di un'indagine sulla tipologia e quantità dei rifiuti rinvenuti, con l'applicazione del protocollo sulla "beach litter" messo a punto dal ministero dell'Ambiente e dall'Ispra, in modo da poter stimare i principali rifiuti spiaggiati sulle nostre coste e passare a progetti concreti per una loro progressiva riduzione. Una proposta che Legambiente ha rivolto al ministero dell’Ambiente in considerazione della scarsa partecipazione dimostrata finora da parte di enti e amministrazioni all’applicazione della direttiva europea sulla Marine strategy, che chiede ai paesi membri uno sforzo per stimare le diverse problematiche a cui sono soggetti il mare e le coste, rifiuti compresi.

’’La risposta è arrivata a singhiozzo - prosegue Rossella Muroni - per questo abbiamo voluto dare il nostro contributo, costruendo collettivamente una vera e propria stima dei rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. L’obiettivo è quello di ridestare l’attenzione delle autorità sul problema, affinché si possa finalmente agire sulle cause, a partire dalla questione della riduzione delle plastiche’’.

In occasione di Spiagge e Fondali Puliti saranno messi a disposizione dall’azienda Virosac migliaia di sacchetti in plastica rigenerata realizzati appositamente per raccogliere i rifiuti. L’appuntamento rientra nella campagna Clean Up the Med, che si svolge in diversi Paesi che affacciano sul Mediterraneo. Tutti gli appuntamenti e le spiagge coinvolte su www.legambiente.it

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza