cerca CERCA
Mercoledì 23 Giugno 2021
Aggiornato: 10:20
Temi caldi

Ricchezza: nel mondo 22 milioni di 'Paperoni'

20 giugno 2019 | 13.39
LETTURA: 2 minuti

Il numero cresce anche se più lentamente. Nelle loro tasche metà della ricchezza mondiale. L'Italia è la nona nazione al mondo

alternate text
Foto di repertorio (Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Continuano a crescere i milionari, anche se più lentamente rispetto al passato e con maggiore tendenza alla geolocalizzazione. Stando alla società di consulenza aziendale Boston Consulting Group (BCG), rispetto al 2017 l'incremento di individui che detengono un patrimonio superiore ai 100 milioni di dollari di ricchezza finanziaria personale sono infatti cresciuti del 2,1%, su base annua, raggiungendo i 22,1 milioni di individui. Questo gruppo detiene attualmente il 50% delle attività finanziarie personali a livello globale. Due terzi dei milionari vivono negli Stati Uniti; seguono la Cina (1,3 milioni di economie domestiche), il Giappone (1,1 milioni) e la Svizzera (0,5 milioni).

L'Italia figura al nono posto nel mondo per numero di milionari, con 5 mila miliardi di ricchezza finanziaria personale, cifra che entro il 2023 potrebbe toccare i 5,6mila miliardi di dollari. Se si passa a esaminare la graduatoria dei Paesi con più persone dotate di un patrimonio di oltre 100 milioni, i cosiddetti super ricchi, il nostro Paese si colloca invece in quinta posizione (1.700 individui), con Gran Bretagna, Francia, Canada e Germania (0,4 milioni ciascuno).

Tuttavia secondo gli autori della ricerca, che hanno interrogato gestori patrimoniali in 97 paesi, la situazione dovrebbe fortemente cambiare nei prossimi anni: in Asia il numero dei milionari dovrebbe aumentare del 10% entro il 2023, seguita da Africa al 9,8% e l’America Latina al 9,1%. In Europa occidentale la crescita si fermerebbe al 4,5%. A livello mondiale, dal 2018 al 2023, il numero dei milionari dovrebbe attestarsi a 27,6 milioni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza