cerca CERCA
Sabato 18 Settembre 2021
Aggiornato: 22:21
Temi caldi

Made in Italy: nella pizza 'capolavoro' genio italiano e filiera agroalimentare

03 settembre 2015 | 11.16
LETTURA: 3 minuti

alternate text

E' stata la grande festa della Pizza quella che l'altra sera si è svolta a Milano, alla Casa degli Atellani-la Vigna di Leonardo. Trecento persone tra operatori del settore, buyer e giornalisti, hanno partecipato all'evento organizzato da Confagricoltura, in collaborazione con Agugiaro & Figna, Cirio, Granarolo, Colavita, Ferrarelle, Birra Moretti, Planeta, Italtab, Uir e realizzato insieme a Witaly. La serata, 'La Pizza, Capolavoro universale', fortemente voluta dal presidente della Confagricoltura, Mario Guidi, ha voluto celebrare i quattro ingredienti principali della pizza - grano, pomodoro, mozzarella, olio extravergine d'oliva - e la maestria dei pizzaioli che l'hanno resa famosa in tutto il mondo.

"Abbiamo scelto questa meravigliosa location dove Leonardo da Vinci, dopo aver lavorato al Cenacolo, si riposava coltivando la sua vigna - ha detto il presidente di Confagricoltura, Mario Guidi - per celebrare il genio italiano. Degli agricoltori, capaci di creare capolavori (come recita il nuovo pay off del nostro marchio introdotto in occasione di Expo) e dei pizzaioli che hanno avuto l'ingegno di metterli insieme, inventando qualcosa di unico, diventato famoso in tutto il mondo".

"Credo che l'Italia debba ripartire da questo genio, da queste capacità che tutti ci invidiano, dalle nostre tradizioni che il talento degli uomini hanno trasformato in innovazioni, per sviluppare una nuova strategia e conquistare la leadership nell'agroalimentare del mondo”, ha sottolineato.

“Quella di Confagricoltura è un’iniziativa meritoria. E’ sempre molto più facile parlare di cibo che di agricoltura, ma attraverso la pizza, il nostro capolavoro conosciuto in tutto il mondo, simbolo del ‘made in Italy’, si può parlare in modo serio di agricoltura, dell’importanza del lavoro e dell’impegno degli agricoltori, per fornire materie prime sicure e di qualità. Questo capolavoro è capace di caratterizzare, da oltre un secolo, la nostra produzione gastronomica, che ha anche un tocco di Lombardia: penso alle produzioni di pomodoro e di latte per la mozzarella, fondamentali per la pizza”, ha messo in evidenza l'assessore all'Agricoltura della Regione Lombardia, Gianni Fava.

Dopo un breve 'viaggio' attraverso i quattro ingredienti base, dalla produzione alla trasformazione, condotto dal giornalista e critico gastronomico Luigi Cremona, è stata la volta dei pizzaioli.

Dieci nomi famosi provenienti da tutto i mondo: Graziano Bertuzzo (maestro istruttore della Scuola Italiana Pizzaioli di Caorle e giudice ai più importanti Campionati del mondo), Giuliano Bressan (storico locale ad Almisano di Lonigo, una frazione in provincia di Vicenza), Stefano Callegari (maestro della pizza a Roma e inventore del Trapizzino), Pasquale Cozzolino (pizzeria Ribalta, New York), Domenico Crolla (pizzaiola-artista di Glasgow, Scozia), Johnny Di Francesco (di Victoria, Australia), Gaetano Esposito (pizzeria Brandi, Napoli), Giorgio Sabbatini (Verona), Gino Sorbillo (Napoli, Via dei Tribunali, Milano e New York), Guglielmo Vuolo (storico pizzaiolo, con più di quarant'anni di professione alle spalle).

I dieci Maestri della pizza si sono esibiti per tutta la serata proponendo agli ospiti classiche Margherite e altre creazioni. Come Guglielmo Vuolo, che ha proposto la ‘sua’ Margherita, impastata all’acqua di mare, con mozzarella di bufala, pomodoro giallo del Vesuvio, pomodoro scarpariello, provolone del Monaco Dop ed olio extra-vergine d’oliva.

Stefano Callegari ha preparato la pizza romana con crema di piselli, Parmigiano e salsiccia. La ricetta preparata da Domenico Crolla è stata la 'margherita sbagliata', ovvero una pizza dolce, con farina, mascarpone e marsh mallow in sostituzione della mozzarella, salsa di fragola al posto del pomodoro, foglie di menta invece del basilico, sciroppo di aloe vera anziché olio, zucchero a velo al posto del sale e scaglie di cioccolata bianca e cocco come parmigiano.

Gino Sorbillo ha fatto assaggiare la Margherita con farina 0 biologica e integrale, pomodoro San Marzano Dop, Mozzarella di Bufala Dop, olio extra-vergine di oliva e Parmigiano Reggiano di montagna invecchiato 36 mesi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza