cerca CERCA
Giovedì 20 Gennaio 2022
Aggiornato: 15:25
Temi caldi

Calcio

Neymar: "Perché al Psg? Per ambizione"

04 agosto 2017 | 14.12
LETTURA: 5 minuti

alternate text
(Afp

"Perché al Psg? Per ambizione, per l'ambizione di questo club, che è molto simile alla mia. Io voglio qualcosa di grande, voglio una sfida più grande. E il mio cuore si è tuffato in questa opportunità che si è presentata ed è stato lui ad indirizzarmi e con tanta felicità ho preso questa decisione. Sono qui a Parigi per dare il mio contributo e aiutare questa squadra e questo club a conquistare dei titoli". Neymar afferma che è stata l'ambizione sua e del Psg ad averlo spinto a lasciare il Barcellona.

"Io volevo venire a Parigi e questo è stato l'unico motivo perché ho preso questa decisione non perché volevo essere l'unica stella o perché cercassi qualcosa di diverso, mi sentivo molto bene a Barcellona. Si parla di protagonismo ma non è quello che mi ha spinto a venire qui, ma una nuova sfida, qualcosa di nuovo, dei titoli, quello che il Psg desidera. Questa è la mia motivazione, voglio qualcosa di più grande, voglio sempre migliorarmi e fare meglio di quello che ho già fatto", ha aggiunto l'attaccante brasiliano spiegando i motivi della sua scelta.

"Sicuramente c'erano degli elementi quest'anno che in precedenza non c'erano e in questo momento il mio cuore mi ha detto di fare questo passo ed io l'ho fatto. Le sfide sono ancora più grandi ed ho tantissima voglia di giocare e di essere molto felice in questa città e in questo club", ha proseguito Neymar.

"Lasciare Barcellona è stata una delle decisioni più difficili che abbia mai preso in vita mia. Stavo benissimo al Barcellona e nella città avevo tanti amici ed ho ancora tanti amici nel club, dei giocatori fantastici. Non è stato assolutamente semplice, ma un momento di grande tensione, di grandi riflessioni su quello che dovevo fare nella mia vita. Ho lasciato tantissimi amici alle mie spalle, ma il calcio è questo e la nostra vita va molto veloce. Ringrazio i miei compagni del Barcellona, che mi hanno accolto benissimo quando sono arrivato dal Brasile, e sono stato felicissimo in questi quattro anni, ma cercavo nuove sfide - ha proseguito l'attaccante brasiliano - C'erano anche a Barcellona ma cercavo qualcosa di diverso". Il brasiliano si è detto pronto a giocare già domani: "Io ho molta fame di calcio e quindi sono pronto a cominciare anche domani".

"Il messaggio che lascio a Barcellona è di grande rispetto e amicizia per tutti. Sono stato molto bene questi quattro anni a Barcellona e non avrò mai nulla da dire. Non sono mai stato triste ma anzi molto felice, penso di avere scritto la mia pagina di storia a Barcellona, di aver compiuto il mio percorso, ho vinto dei titoli, pertanto ho aiutato il Barca nel modo migliore che potessi fare e non posso che essere felice di quello che ho fatto, ma evidentemente bisogna seguire quello che ti chiede il tuo cuore" ha detto Neymar.

"Tifosi del Barca arrabbiati? Io sono triste del fatto che alcuni tifosi, spero una minoranza, possano pensarla così, io non ho mancato di rispetto ai tifosi o al club, ma credo che i giocatori abbiano il diritto di scegliere se restare o andarsene, nessuno è obbligato a restare", ha proseguito l'attaccante brasiliano.

"Al Psg solo per i soldi? Chi lo dice non sa nulla della mia vita - ha scandito - Io non sono mai stato motivato dai soldi, non è mai stata la mia prima motivazione, ma ho sempre pensato alla mia felicità e quella della mia famiglia, io seguo sempre il mio cuore, indipendentemente dai soldi, e se si parlasse solo di soldi sarei in un altro Paese e in un altro campionato. Non mi importa chi pensa in questo modo, ma ringrazio il Psg che ha creduto nel mio potenziale e voglio ripagare l'investimento che hanno fatto per prendermi".

Intanto il Barcellona ha reso noto che non pagherà a Neymar i 26 milioni di euro di premio previsti per il rinnovo del contratto fino al 2021 che il calciatore brasiliano aveva sottoscritto lo scorso anno con i blaugrana. Dopo l'ufficialità del passaggio di Neymar al Paris Saint-Germain, il club catalano ha fatto sapere tramite il suo portavoce Josep Vives che non sono stati rispettati i requisiti previsti per il pagamento di tale premio, compresa la sua permanenza al Barcellona.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza