cerca CERCA
Venerdì 21 Gennaio 2022
Aggiornato: 21:04
Temi caldi

Nigeria: Michelle Obama, lottare per istruzione donne, e' loro diritto

10 maggio 2014 | 12.01
LETTURA: 2 minuti

Alla vigilia della Festa della mamma, ricorrenza molto sentita nelle famiglie americane, e' Michelle Obama a pronunciare il consueto discorso settimanale alla nazione, normalmente appannaggio del presidente degli Stati Uniti. Un modo per ''onorare'', esordisce la First Lady, tutte le mamme ma soprattutto per far riflettere sul rapimento delle oltre 200 studentesse nigeriane tuttora in mano a Boko Haram. Una vicenda che ha scosso tutta la comunita' internazionale e che non poteva lasciare insensibile Michelle, a sua volta madre di due ragazze, e instancabile sostenitrice del diritto di tutte le donne all'istruzione.

''Io e mio marito, come milioni di persone nel mondo, siamo indignati ed addolorati - ha affermato - per questo atto senza scrupoli commesso da un gruppo terroristico determinato ad impedire l'istruzione delle ragazze''. Mentre gli aiuti promessi dalla Casa Bianca - una decina di esperti tra uomini di Usaid, dell'Fbi e del Dipartimento di Stato - si sono gia' messi a disposizione del governo nigeriano per riportarle a casa, Michelle rammenta che nel mondo ben 65 milioni di giovani donne non possono andare a scuola.

"Queste ragazze - continua la first lady - sono la miglior speranza per il futuro del nostro mondo e dobbiamo stare al loro fianco, non solo quando si verificano tragedie ma sempre, impegnandoci a dare loro l'opportunita' che meritano di raggiungere tutto il loro potenziale". Dopo aver espresso sostegno per le famiglie delle nigeriane rapite e chiesto alla nazione di pregare per la loro salvezza, la moglie di Barack Obama ha esortato a "tirare fuori un briciolo del loro coraggio, per lottare affinche' tutte le donne del pianeta possano ricevere l'istruzione che e' un loro diritto".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza