cerca CERCA
Venerdì 07 Maggio 2021
Aggiornato: 00:05
Temi caldi

No ai compiti a casa nel weekend, per l'esperto 'inutili e dannosi'

15 novembre 2019 | 17.35
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Bambino alle prese con libri e quaderni - FOTOGRAMMA

di Margherita Lopes

Basta compiti per il lunedì. Riempire il diario di esercizi, problemi e pagine da studiare a casa nel weekend significa "accanirsi contro gli alunni, con effetti inutili e anche dannosi. In un sistema scolastico basato sui compiti a casa, assegnati anche ai bambini che fanno il tempo pieno, almeno il fine settimana dovrebbe essere risparmiato come tempo prezioso per stare in famiglia, incontrare gli amichetti, fare sport o un giro al parco, andare a trovare i nonni. Tutte attività preziose per la crescita e lo sviluppo dei bambini, 'antidoto' all'epidemia di obesità dilagante, ostacolate dal tempo da riservare ai compiti". L'appello ai docenti è del pediatra Italo Farnetani, ordinario alla Libera Università Ludes di Malta, in vista dell'anniversario dalla Convenzione sui diritti del fanciullo, approvata dall'Assemblea dell'Onu il 20 novembre 1989.

Quella di Farnetani contro i campiti a casa, per il lunedì ma anche per le vacanze, è una battaglia annosa. "Ma il problema resta sempre valido - dice il pediatra all'AdnKronos Salute - ancor di più in un fine settimana come questo: essendo previsto maltempo un po' in tutta Italia, sarebbe davvero assurdo far passare i giorni di festa ai bambini in casa a fare i compiti. Consiglio di occupare questo periodo piovoso invitando i coetanei per delle piccole festicciole o anche solo per giocare insieme: ricordiamo infatti che il periodo delle elementari è caratterizzato dalla necessità di frequentare proprio i coetanei".

"Però attenzione - avverte il medico - i bambini non si devono trovare insieme per fare i compiti, cioè per replicare la scuola, ma per interagire in modo diverso, giocare e stare insieme". Se invece nel fine settimana c'è bel tempo, queste giornate devono permettere ai bambini, e magari ai loro genitori, "di fare movimento, stare all'aria aperta e fare sport". Stiamo allevando generazioni cresciute al chiuso, e con tablet in mano: non meravigliamoci poi se fin da piccoli hanno il problema dei chili di troppo, dice il pediatra.

Secondo Farnetani, a tanti anni dalla Convenzione dell'Onu in molti Paesi la situazione dell'infanzia è migliorata, ma i problemi sono cambiati. "Oggi i bambini dei Paesi industrializzati lottano contro nemici che si chiamano sovrappeso, obesità, poca attività fisica, solitudine". Quindi è inevitabile che "esseri costretti a dedicare gli unici giorni liberi dalla scuola a studiare e fare i compiti - conclude - impedisce ai bambini di godere pienamente del diritto alla vita familiare, fatta anche di gite, sport, pomeriggi di gioco e relax".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza