cerca CERCA
Sabato 08 Maggio 2021
Aggiornato: 02:03
Temi caldi

No alla trascrizione delle nozze gay, Consiglio di Stato dà ragione ad Alfano

27 ottobre 2015 | 11.42
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Foto Infophoto) - INFOPHOTO

"Dopo un anno di polemiche #ConsigliodiStato mi dà ragione: sindaci non possono trascrivere #nozzegay e spetta ai Prefetti vigilare. Bene!". Lo scrive su Twitter il ministro dell'Interno Angelino Alfano a proposito della decisione del Consiglio di Stato che ha annullato la trascrizione fatta dal comune di Roma di alcune nozze gay celebrate all'estero.

"L'anno scorso una mia circolare su divieto trascrizione nozze gay contratte all'estero. Polemiche, aggressioni talvolta violente e una pioggia di ricorsi. Adesso il Consiglio di Stato mi dà ragione su tutta la linea: i matrimoni tra persone dello stesso sesso non sono previsti dalla legge italiana, pertanto le trascrizioni fatte dai sindaci sono illegittime e la vigilanza è di competenza dei Prefetti. Molto bene", ha aggiunto poi, in una nota, Alfano.

"Oggi il sindaco di Roma ha un motivo in più per dimettersi: la clamorosa bocciatura del Consiglio di Stato sulla trascrizione delle nozze gay in Italia", commenta Paola Binetti, deputato di Area popolare (Ncd- Udc) sottolineando: "E' un modo concreto di ristabilire la legalità e il rispetto delle reciproche competenze tra i diversi organi istituzionali. Il ministro Alfano ancora una volta intasca un successo politico e personale clamoroso nell'esercizio del suo mandato".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza