cerca CERCA
Mercoledì 18 Maggio 2022
Aggiornato: 15:36
Temi caldi

"No Trump, no Ku Klux Klan", rally anti razzisti in Usa

14 agosto 2017 | 13.34
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Salwan Georges/The Washington Post) - The Washington Post

Si sono riunite nel luogo dove sorgeva il famigerato mercato degli schiavi di Richmond, le diverse centinaia di persone che la notte scorsa hanno partecipato ad una veglia in memoria di Heather Heyer, la donna di 32 anni uccisa sabato James Field, il giovane militante dell'alt right che ha lanciato la sua auto contro i manifestanti anti-razzisti a Charlottesville.

Il governatore della Virginia, Terry McAuliffe, ha ricordato Heyer dicendo che è morta "facendo quello che amava, lottare per democrazia, la libertà di espressione e per fermare l'odio e l'intolleranza".

Centinaia di persone si sono riunite ieri notte in altri centri della Virginia, ed a Charlottesville, la cittadina universitaria messa a ferro e fuoco sabato dalle migliaia di suprematisti bianchi ed esponenti dei gruppi di estrema destra, l'alt right che ha sostenuto l'elezione di Donald Trump, che avevano indetto una protesta contro la rimozione della statua del generale confederato Robert Lee.

Veglie e manifestazioni anti-razziste si sono svolte la notte scorsa in diverse città americane. A Washington centinaia di persone hanno sfilato a poca distanza della Casa Bianca e di fronte il Trump International Hotel, l'albergo di lusso che Trump ha inaugurato poco prima della sua vittoria elettorale. "No Trump, no Ku Klux Klan, no agli Stati Uniti fascisti", sono stati gli slogan scanditi.

Manifestazioni si sono svolte in altre città, tra le quali Houston, Filadelfia, New York, dove vi sono stati rally ad Union Square , Brooklyn e Columbus Circle, a poca distanza dalla Trump Tower, dove la polizia ha arrestato tre persone.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza