cerca CERCA
Lunedì 27 Settembre 2021
Aggiornato: 14:16
Temi caldi

Norcia, Torre Campanaria rinasce grazie a Cucinelli

09 dicembre 2020 | 15.28
LETTURA: 3 minuti

A quattro anni dal terremoto ultimato il restauro

alternate text

A quattro anni dal terremoto è stato ultimato il restauro a Norcia della Torre Campanaria, sostenuto Brunello Cucinelli, dai suoi dipendenti e da Marc Benioff. "La nostra bella Norcia - ha detto Cucinelli - la città dove nacque San Benedetto, e che da lui ci è piaciuto chiamare 'Cittadella dell’anima', Norcia che per questo è il centro spirituale dell’Europa, Norcia che non è molto fu sconvolta dalle scosse di un terremoto cieco, oggi rinasce nella sua torre campanaria, simbolo vivo della città, segno particolarmente carico di gioia e di speranza per tutti noi e per il mondo intero che a noi guarda".

Quindi ha aggiunto: "Mi piace poi ricordare il mio caro amico Padre Cassian, quest'uomo dall'animo gentile, di grande spiritualità, lui che ha riportato i monaci a Norcia nel 2000 dopo 183 anni di assenza. Essi insieme, come benedettini, rappresentano il simbolo attuale della testimonianza viva del grande santo europeo. Oggi, in anticipo sul garrire delle rondini che torneranno a primavera, sentiremo nuovamente cantare con armonia le sue campane, che sono la voce della città, e i loro rintocchi parleranno ai nostri cuori con voce di letizia e di fiducia, quasi che li sentissimo per la prima volta".

Cucinelli ha poi ringraziato le "molte anime belle" che "hanno contribuito a questa contentezza: anche da molto lontano, un uomo amabile, illuminato, un umanista come il mio caro amico Marc Benioff, un aiuto forte e sentito con verità; Infine abbiamo contribuito anche noi con il nostro umile dono. Però infine siete stati soprattutto voi, cittadini e figli innamorati della Cittadella spirituale, a rendere possibile questa rinascita, voi che nel dolore avete mantenuto coraggiosamente la fede, voi che non avete lasciato i luoghi della vostra storia, perché da veri umbri avete saputo tenere alta la testa e fermo il timone dell’aratro della vita, e a voi è giusto, in questo giorno di speranza, rendere il merito maggiore".

Soddisfatto anche il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno: "Con grande emozione e commozione - ha detto - abbiamo risentito il suono solenne delle campane e del ‘campanone’ della Torre Civica del Palazzo Comunale che rappresenta per la nostra città uno dei simboli identitari più significativi. Per un nursino affacciarsi in Piazza San Benedetto e ritrovarsi al cospetto del campanile dà sollievo agli occhi e all’anima, così come davanti alla statua del nostro Santo Patrono, impassibile alla violenza del sisma come a volerci dire che da qui dovevamo ripartire. Iniziamo a riappropriarci del nostro ‘salotto’".

Il sindaco ha poi ringraziato l'imprenditore: "Grazie di cuore a Brunello Cucinelli per l’attenzione che non ci ha mai fatto mancare. Con il suo supporto ha contribuito in maniera determinante e concreta ad alimentare la speranza di veder ricostruita la nostra città più bella e più sicura di prima. Da Norcia oggi lanciamo un messaggio fortissimo e concreto: ricostruire in tempi ragionevoli è possibile. Il nostro impegno di Amministratori è volto a far sì che i nostri concittadini tornino presto a riabitare le proprie case e in questi mesi abbiamo tracciato la strada, lavorando ininterrottamente con grande determinazione. Sappiamo quello che c’è ancora da fare, l’orologio della Torre e i rintocchi delle campane torneranno a scandire la nostra quotidianità e i tempi della ricostruzione che sarà la assoluta protagonista nel 2021".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza