cerca CERCA
Domenica 04 Dicembre 2022
Aggiornato: 10:55
Temi caldi

Nord Stream, l'intrigo del gas complica ancora di più lo scenario

28 settembre 2022 | 15.21
LETTURA: 2 minuti

Il prezzo risale ad Amsterdam, si teme che il gasdotto diventi inutilizzabile per sempre

alternate text

Non poteva essere altrimenti. Sarà difficile provare le responsabilità per il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream e il rimpallo andrà avanti per giorni. Chi esplicitamente e chi meno, gli occidentali ritengono probabile, se non certo, che i danni siano stati causati dalla Russia. A Mosca, si sostiene che la colpa non possa che essere degli Stati Uniti, con il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, che allude a presunte dichiarazioni del presidente americano Joe Biden contro il gasdotto e bolla come ''abbastanza prevedibili e anche prevedibilmente stupide'' le accuse ricevute.

Non è solo un gioco delle parti. La posta in gioco è sempre più alta e l'intrigo del gas, arricchito da un colpo di scena che sembra aggiungere un atto di terrorismo alla lunga lista di oscenità prodotte dalla guerra in Ucraina, complica ancora lo scenario. Sul piano economico e su quello delle relazioni internazionali sembra annunciare un'escalation.

Le prime conseguenze sono sul prezzo del gas. Dopo l'impennata di ieri, seguita alle notizie che sono arrivate dal Mar Baltico, risale al mercato di Amsterdam sopra quota 200 euro al megawattora segnando un rialzo dell'8% per cento sulla chiusura di ieri. Poi c'è il fattore tempo. La Danimarca sottolinea che ci vorrà una settimana o due prima che le perdite sul Nord Stream possano essere esaminate scendendo in profondità. Nel governo tedesco crescono i timori che Nord Stream 1 diventi inutilizzabile per sempre dopo le perdite alla pipeline che transita per il Mar Baltico. In ogni caso, il rischio che i gasdotti non possano rientrare in funzione prima dell'inverno è concreto. Venerdì arriveranno le decisioni da Bruxelles per contenere il caro energia e i fatti di questi giorni potrebbero suggerire decisioni più drastiche. Anche perché, tra mille dubbi, c'è una certezza: sarà più difficile ottenere gas dalla Russia.

Le relazioni internazionali, già compromesse da mesi di guerra in Ucraina, si stanno riducendo ai minimi termini, considerando i rapporti tra Russia, Ue e Usa. "E' chiaro che ogni danneggiamento deliberato dell'infrastruttura energetica dell'Ue è assolutamente inaccettabile e riceverà una risposta robusta e unitaria", sintetizza il vicepresidente esecutivo della Commissione Europea Valdis Dombrovskis.

Con i riservisti che hanno iniziato il loro addestramento in Russia, gli Stati Uniti e l'Europa che preparano nuovi invii di armi in Ucraina, e la guerra del gas giocata sempre più in campo aperto, gli spiragli per l'inzio di negoziati veri tra le parti sembrano sempre più ridotti. (di Fabio Insenga)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza