cerca CERCA
Mercoledì 26 Gennaio 2022
Aggiornato: 21:50
Temi caldi

Kim fa paura al mondo: spara missile intercontinentale

04 luglio 2017 | 07.43
LETTURA: 5 minuti

alternate text
(Immagine d'archivio - Foto Xinhua)

Nuova provocazione della Corea del Nord. Il regime di Pyongyang ha lanciato questa mattina un missile balistico intercontinentale nel mar del Giappone. Secondo il portavoce del governo di Tokyo, Yoshihide Suga, il vettore è finito nella zona economica esclusiva, dopo un volo di circa 40 minuti.

Secondo il Comando americano del Pacifico, citato dall'agenzia stampa sudcoreana Yonhap, si è trattato di un missile balistico a raggio intermedio. "Il Comando americano del Pacifico ha rilevato e monitorato quello che riteniamo sia il lancio di un missile nordcoreano alle 14.40 ora delle Hawaii il 3 luglio. Il lancio di un missile balistico a raggio intermedio, lanciato da terra, è avvenuto vicino alla base aerea di Panghyon", si legge in un comunicato del Comando.

L'ordine di avviare il test del missile Huwasong-14 è stato firmato ieri dal leader nordcoreano Kim Jong Un, ha riferito la Korean Central Television, parlando di una pietra miliare del programma di sviluppo missilistico.

Secondo i dati forniti dall'agenzia stampa nordcorean Kcna, ripresi dalla Yonhap sudcoreana, il missile ha raggiunto un'altezza di 2.802 chilometri, volando per 933 chilometri con un tempo di 39 minuti prima di colpire un obiettivo nel mar Orientale. "Il successo del lancio dell'Icbm al suo primo test è la porta d'ingresso definitiva al completamento della nostra forza nucleare. Segna un evento fenomenale nella nostra storia", ha dichiarato la Kcna. Secondo fonti militari sudcoreane, citate dalla Yonhap, si presume che il missile abbia raggiunto un'altitudine di oltre 2.300 chilometri.

Informato del nuovo test missilistico nordcoreano, avvenuto mentre gli Stati Uniti celebrano il giorno dell'indipendenza, Donald Trump ha affidato a due tweet la sua reazione. "Difficile credere che Giappone e Corea del Sud sopporteranno questo ancora per molto - ha scritto il presidente americano - Forse la Cina farà una mossa pesante sulla Corea del Nord per mettere fine a questo nonsenso una volta per tutte". Poi, in un riferimento al leader nordcoreano Kim Jong un, che non cita esplicitamente, Trump domanda: "Ma questo tizio non ha nient'altro di meglio da fare nella vita?".

L'ultimo test condotto dalla Corea del Nord "dimostra chiaramente la minaccia crescente" rappresentata dal regime di Pyongyang. Così il premier giapponese Shinzo Abe ha commentato l'ennesima provocazione del 'regno eremita': "Ancora una volta la Corea del Nord ha eseguito un lancio missilistico. Questo dimostra che ignora i ripetuti avvertimenti della comunità internazionale". Dal canto suo, il portavoce del governo di Tokyo, Yoshihide Suga, ha denunciato "i ripetuti atti provocatori" di Pyongyang, che sono "totalmente inaccettabili".

Dal canto suo il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha chiesto un intervento del Consiglio di Sicurezza dell'Onu. Secondo le valutazioni di Seul, così come del Comando americano del Pacifico, quello lanciato da Pyongyang appare come un missile balistico a raggio intermedio. Tuttavia il portavoce ha sottolineato che il test potrebbe essere parte di un programma per lo sviluppo di un missile balistico intercontinentale (Icbm). Per questo Moon ha avvertito che bisognerà "adottare le necessarie misure tenendo conto che potrebbe essere stato un Icbm".

"Questo tipo missile potrebbe raggiungere Alaska" - Il tipo di missile testato oggi dalla Corea del Nord potrebbe raggiungere l'Alaska. Lo ha affermato il fisico David Wright, dell'associazione di scienziati americani Union of Concerned Scientist. "Se le notizie sono corrette, lo stesso missile può raggiungere una portata massima di circa 6.700 chilometri lungo una traiettoria standard", ha detto Wright, citato dalla Bbc. Questa portata potrebbe permettere al missile "di raggiungere l'Alaska", ma non il resto degli Stati Uniti. Tuttavia, si legge sul sito dell'emittente britannica, per colpire un bersaglio non serve solo la portata, ma anche la capacità di proteggere la testata del missile dall'intenso calore e le vibrazioni al momento del rientro nell'atmosfera. E al momento non è chiaro se Pyongyang abbia questa capacità.

Russia e Cina insieme per fermare Pyongyang - Russia e Cina hanno lanciato una iniziativa comune per risolvere il conflitto nella penisola coreana e fermare il programma nucleare di Pyongyang. I due paesi hanno convenuto di promuovere una iniziativa "per congelare le attività nucleari nordcoreane e le esercitazioni militari congiunte su larga scala fra Stati Uniti e Corea del Sud", ha annunciato il presidente russo Vladimir Putin, mentre è in corso una visita a Mosca del suo omologo cinese Xi Jinping.

"La nostra mutua priorità comprende una soluzione globale dei problemi della penisola coreana per assicurare una pace durevole e la stabilità nell'Asia nord orientale", ha detto Putin, citato dall'agenzia stampa russa Tass. L'annuncio dell'iniziativa da parte dei due paesi che hanno i più stretti rapporti con Pyongyang, arriva dopo l'ultimo test missilistico della Corea del Nord.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza