cerca CERCA
Mercoledì 25 Maggio 2022
Aggiornato: 05:16
Temi caldi

Notai: al via collaborazione con Mise, Ice e Piccola Industria

06 novembre 2014 | 14.16
LETTURA: 3 minuti

Al 49° congresso nazionale della categoria presentati i progetti per il sostegno a imprese e investitori.

alternate text

Sostegno alle imprese italiane nei mercati internazionali e agli investitori esteri in Italia, partecipazione alle missioni governative internazionali, adozioni di start up, consulenza su mini bond per le pmi. Sono i progetti allo studio del Notariato insieme a ministero dello Sviluppo economico, Ice e Piccola Industria-Confindustria, presentati oggi a Roma in occasione del 49° congresso nazionale dal titolo 'Il contributo del Notariato per la competitività del Paese'.

"Sicurezza giuridica dei flussi economici e procedure informatizzate - sottolinea una nota del Consiglio nazionale del Notariato - sono le eccellenze del Notariato che hanno contribuito a rilanciare il sistema Paese nella classifica mondiale della competitività. Secondo il rapporto il Doing Business 2015 della Banca mondiale, l'Italia recupera ben 44 posizioni nella sezione 'starting a business' così come 20 posizioni erano state recuperate nella sezione 'registering properties' tra il 2013 e il 2014, entrambi settori in cui il Notariato è coinvolto".

Nel corso del congresso, sono stati anticipati i contenuti dei protocolli d’intesa che saranno firmati nelle prossime settimane.

In particolare, con il Mise è allo studio la presenza di una delegazione del Notariato come partner tecnico-giuridico nelle missioni governative di promozione del made in Italy, anche attraverso il coinvolgimento del network dell’Unione internazionale del Notariato latino - Uinl (che copre 86 paesi nel mondo e il 65% della popolazione mondiale).

Inoltre, con l’Ice-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane sarà firmato nelle prossime settimane un protocollo d’intesa per sostenere e orientare le imprese italiane nei mercati internazionali e le aziende estere interessate a investire in Italia. Saranno inoltre previste attività di carattere formativo, informativo, anche nella forma di strumenti, prodotti e servizi reali alle imprese. Il contributo dei notai è finalizzato ad evitare ogni possibile contenzioso per i documenti e i contratti degli investitori esteri in Italia, a certificare l'affidabilità dei dati in essi contenuti, nonché a ridurre i tempi delle procedure.

Infine, la collaborazione siglata a ottobre 2009 con Piccola Industria-Confindustria si arricchirà di nuove iniziative: è prevista la pubblicazione della contrattualistica relativa alle 'adozioni' tra imprese e start up a supporto del progetto 'AdottUp-il Programma di Piccola Industria Confindustria per l’adozione delle startup' e l’estensione dell’attività di consulenza istituzionale gratuita sul territorio. La consulenza riguarderà l’adozione di start up e le emissioni di mini bond per le pmi.

"Il Notariato è un modello di garanzia ed efficienza made in Italy che, attraverso progetti concreti, vuole contribuire alla cooperazione tra i diversi attori del sistema economico italiano e internazionale”, ha spiegato Maurizio D’Errico, presidente del Consiglio nazionale del Notariato.

“Mettiamo a disposizione le nostre competenze tecnico-giuridiche per sostenere lo sviluppo economico italiano nei mercati internazionali - ha aggiunto - e incoraggiare gli investimenti dall’estero, garantendo la sicurezza dei flussi economici”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza