cerca CERCA
Martedì 16 Agosto 2022
Aggiornato: 12:35
Temi caldi

Novavax, medico no-vax: "Potrebbe essere più sicuro ed efficace"

22 febbraio 2022 | 15.15
LETTURA: 2 minuti

Amici: "Devo ancora studiarlo ma appartiene alla categoria dei vaccini di vecchia generazione, che hanno una sperimentazione centennale"

alternate text
(Fotogramma)

"Se si tratta di un vaccino proteico che contiene il virus attenuato o inattivato, appartiene alla categoria dei vaccini di vecchia generazione, che hanno una sperimentazione centennale: sicuramente sappiamo a cosa andiamo incontro, a differenza di questi altri vaccini di cui non conosciamo quali possano essere le possibili conseguenze a distanza. Questa è la differenza sostanziale e importantissima. Ma devo ancora studiarlo e capire bene come è fatto, per pronunciarmi". Così all'Adnkronos Salute Mariano Amici, il medico di Ardea sospeso senza stipendio per le sue posizioni contrarie ai vaccini anti-Covid, sul nuovo vaccino in arrivo in settimana in Italia.

"Per quanto riguarda l'efficacia - chiosa poi Amici - trattandosi di un vaccino per un virus che muta, è sempre molto relativa perché tra il momento in cui viene isolato il virus, viene trattato e prodotto il vaccino, il virus è mutato, quindi l'efficacia chiaramente diminuisce di moltissimo. In ogni caso a mio parere - afferma - se si tratta di vaccino proteico, rimane comunque un'efficacia superiore a un vaccino genico perché quello prende solo una piccola parte del virus mentre questo proteico, siccome contiene tutto il virus, produce anticorpi per tutte le parti del virus ed è ovvio che nella mutazione qualche parte del virus resta uguale e, quindi, gli anticorpi restano più efficaci. Per cui sul piano della sicurezza e dell'efficacia sicuramente è di gran lunga migliore rispetto agli altri".

Quindi lo consiglierebbe? "Io i vaccini su geni mutabili li guardo sempre un po' con occhio critico - frena Amici - perché l'efficacia è relativa. E siccome l'efficacia è molto relativa e comunque qualche rischio il vaccino lo dà, non so esattamente da quale parte la bilancia tra rischi e benefici. Se con un vaccino per un virus non mutabile la bilancia tra rischi e benefici sicuramente pende dal lato dei benefici, in questo caso - conclude - o si equivalgono o pende più dalla parte dei rischi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza