cerca CERCA
Sabato 28 Maggio 2022
Aggiornato: 10:51
Temi caldi

Iran: nucleare, Teheran denuncia sabotaggi di alcuni Stati asiatici

27 agosto 2014 | 10.46
LETTURA: 2 minuti

Alcuni Stati dell'Asia meridionale hanno avuto un ruolo nel sabotaggio del programma nucleare iraniano. A lanciare l'accusa è il capo dell'agenzia atomica iraniana, Ali Akbar Salehi.

alternate text
3/30/2005 Ê City:ISFAHAN Ê State/Prov: Ê Country:IRAN The Uranium Conversion Facility, just outside the city of Isfahan, 410 kilometers south of the capital Tehran, Iran, on March 30, 2005. The conversion facility in Isfahan reprocesses uranium ore concentrate, known as yellowcake, into uranium hexaflouride gas. The gas is then taken to Natanz and fed into the centrifuges for enrichment

Alcuni Stati dell'Asia meridionale hanno avuto un ruolo nel sabotaggio del programma nucleare iraniano. A lanciare l'accusa è il capo dell'agenzia atomica iraniana, Ali Akbar Salehi.

"Non ci sono limiti al sabotaggio nucleare. Abbiamo scoperto che molti casi di interruzioni al nostro pacifico programma nucleare sono stati causati, purtroppo, da alcuni Stati dell'Asia meridionale", ha affermato Salehi, citato dall'agenzia ufficiale Irna.

Riferendosi al caso di Stuxnet, il virus informatico che ha attaccato alcuni siti nucleari iraniani nel 2009 e 2010, Salehi ha sottolineato che "l'Iran era stato informato del sabotaggio e aveva capito come affrontarlo prima che venisse alla luce sui media".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza