cerca CERCA
Giovedì 21 Ottobre 2021
Aggiornato: 01:39
Temi caldi

Pensioni: consulenti lavoro, nuovi termini decadenza in controversie

04 luglio 2014 | 11.50
LETTURA: 2 minuti

L'analisi della Fondazione studi nella circolare numero 15.

alternate text

"Con l'entrata in vigore del disegno di legge 98 del 2011 sono stati ridefiniti i rapporti di forza nel contenzioso fra ente previdenziale e pensionato, limitando la possibilità di quest'ultimo di andare in giudizio per riscattare i propri diritti". Lo ricorda la Fondazione studi dei consulenti del lavoro, che con la circolare numero 15 analizza le modifiche apportate alla disciplina dei termini di decadenza, cui è sottoposta l'azione giudiziaria del pensionato, per controversie inerenti al diritto e alla misura della prestazione.

"Il legislatore estende l'applicazione -si legge- del termine triennale di decadenza, originariamente imposto solo alle azioni giudiziarie inerenti al diritto alla prestazione previdenziale, anche alle azioni giudiziarie relative alla misura delle prestazioni previdenziali le quali, prima delle suddette disposizioni aggiuntive, erano assoggettate al solo termine di prescrizione (quinquennale) relativo ai ratei pregressi".

"Il termine di decadenza è fissato -ricorda la Fondazione studi- in tre anni, in riferimento alle prestazioni pensionistiche e in un anno, in riferimento alle prestazioni previdenziali temporanee (tra le altre la malattia, l'Aspi, il Fondo di garanzia tfr)".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza