cerca CERCA
Sabato 17 Aprile 2021
Aggiornato: 10:53
Temi caldi

Nuovo Dpcm 4 dicembre, Zaia: "Va cambiato, c'è tempo"

04 dicembre 2020 | 13.12
LETTURA: 1 minuti

alternate text

Misure da cambiare. Luca Zaia, governatore del Veneto, ritiene necessario un intervento correttivo dopo il varo del decreto e del nuovo Dpcm. "Le regioni sono a disposizione per una proposta. Facciamo passare qualche ora, ci sarà modo per un incontro e per convincere" il governo "a modificare il provvedimento", dice Zaia.

"Non è una battaglia politica. Anche a noi nei provvedimenti è capitato di sbagliare e abbiamo fatto un'aggiunta. C’è tempo fino al 25 dicembre. Poi, se non vogliono modificarlo, diventa un totem. Io in mente ho la soluzione. C’è di mezzo un decreto legge che ha valore per 60 giorni", aggiunge, facendo riferimento al provvedimento che, a differenza del nuovo dpcm, deve essere convertito.

"Il divieto di spostamento fuori del comune di residenza il 25, 26 dicembre e 1 gennaio, se da un lato è necessario pensare a restrizioni, dall'altro, dal punto di vista sanitario ed epidemiologico questo divieto non ha una ragione scientifica sostenibile", afferma. "Dopo di me anche il Comitato tecnico scientifico nazionale ha detto la stessa cosa. Chiudere un piccolo comune di qualche centinaio di abitanti infatti non è la stessa cosa che chiudere un comune con milioni di abitanti come Roma questa norma è una bestialità scientifica e ve lo dice uno che ha introdotto in Veneto restrizioni che nessun altro ha fatto in Italia, pur essendo in zona gialla", prosegue.

"Spero che il governo ripensi ad alcune misure del Dpcm e sarebbe una battaglia di civiltà. Spero che ci ripensino, che il governo si ravveda è ancora possibile, il tempo c'è e poi a Natale siamo tutti più buoni", chiosa.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza