cerca CERCA
Giovedì 22 Aprile 2021
Aggiornato: 17:29
Temi caldi

Coronavirus Italia

Nuovo Dpcm, varianti Covid e zona arancione: il punto

24 febbraio 2021 | 07.30
LETTURA: 3 minuti

In vista di nuove misure e regole, la 'fotografia' del momento fra riunioni governo-Cts e provvedimenti delle regioni

alternate text
Fotogramma

Nuovo Dpcm in arrivo nell'Italia alle prese con le varianti Covid, fra zona arancione 'rinforzata' e zona rossa per arginarne la diffusione nelle regioni. In vista di nuove misure e regole, e soprattutto dei nuovi dati del monitoraggio sulla pandemia di venerdì, il Comitato tecnico scientifico si è riunito ieri sera con il premier Mario Draghi e i ministri per fare il punto sull'emergenza.

Leggi anche

Un punto della situazione dove però non si è parlato del tema delle riaperture, ha spiegato Agostino Miozzo lasciando Palazzo Chigi. "Non abbiamo parlato di riaperture, se ne parlerà in un'altra occasione. Venerdì ci sarà una nuova fotografia della situazione e poi vedremo", ha detto, aggiungendo come si sia "rappresentato al presidente Draghi i dati e i numeri. Dal punto di vista scientifico noi siamo prudenti, ma non abbiamo descritto una situazione di catastrofe imminente". Premier aperturista o rigorista? "Ascolta e ci ha ascoltati con attenzione", la replica del coordinatore del Cts, che prima di entrare in riunione aveva assicurato: nessuna richiesta di rigore, "ma diremo che serve prudenza".

E se per oggi è prevista una nuova riunione del Comitato tecnico scientifico con il ministro per i Beni e le Attività Culturali Dario Franceschini per valutare il protocollo di sicurezza messo a punto dalle associazioni dello spettacolo su cinema, teatri e sale da concerto - mentre il ministro della Salute, Roberto Speranza, sarà in Aula al Senato per le sue comunicazioni -, la "prudenza" ha senz'altro caratterizzato la giornata di ieri, con l'istituzione di nuove zone arancioni e rosse nelle regioni della Penisola.

Dopo Roccagorga, Carpineto Romano e Colleferro, il Lazio ha infatti dichiarato la sua quarta zona rossa anche per il piccolo comune di Torrice, in provincia di Frosinone. Una misura dettata dalla preoccupazione per le varianti Covid che, ha spiegato l'assessore alla Salute della Regione D'Amato, "si affacciano nel Lazio". Confermata poi la chiusura di una scuola a Roma per variante brasiliana con link dall'Umbria.

Zona arancione scuro da giovedì 25 febbraio e fino all’11 marzo, inoltre, per 14 Comuni dell’Emilia-Romagna dove da giorni si registra una situazione di progressiva criticità a causa dell’incremento dei contagi da Covid-19. Una misura che riguarda tutti i Comuni che fanno capo all’Ausl di Imola – e quindi Imola, Castel San Pietro, Medicina, Mordano, Castel Guelfo, Dozza, Casalfiumanese, Fontanelice, Borgo Tossignano, Castel del Rio -, e quelli confinanti di Bagnara di Romagna, Conselice, Massa Lombarda e Riolo Terme, in provincia di Ravenna, che ricadono nel territorio dell’Ausl Romagna.

E ancora, zona arancione 'rafforzata' per tutta la provincia di Brescia e alcuni comuni in provincia di Bergamo e Cremona. Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha infatti firmato ieri un'ordinanza relativamente a 'Misure urgenti per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19': in estrema sintesi, in tutta la provincia di Brescia e in alcuni comuni delle province di Bergamo e Cremona, viene istituita una 'fascia arancione rafforzata' con la totale sospensione della didattica in presenza, nonché la sospensione dei servizi socio-educativi per la prima infanzia e dei servizi educativi delle scuole dell'infanzia. Nello specifico - si legge nell'ordinanza - per quanto riguarda "il territorio della Provincia di Brescia e dei Comuni di Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Sarnico, Villongo, Castelli Calepio, Credaro, Gandosso (BG) e Soncino (CR)" a decorrere dalle ore 18.00 di oggi, martedì 23 febbraio 2021 e sino al 2 marzo 2021, con eventuale proroga sulla base dell'evoluzione del contesto epidemiologico.

Sul fronte Toscana, Cecina in provincia di Livorno sarà zona rossa per "almeno una settimana". Lo ha annunciato sindaco Samuele Lippi a seguito dei 51 casi di contagio verificatisi nella Rsa 'Iacopini', di cui 16 riconducibili alla variante inglese, e della decina di contagi nella scuola elementare 'Marconi' tra docenti, collaboratori e genitori. La zona rossa scatterà da domani (giovedì 25 febbraio).

Questo il contesto in cui il governo dovrà muoversi e decidere per il nuovo Dpcm, che sarà limato in base alle indicazioni del Cts il prossimo venerdì, quando saranno disponibili i dati aggiornati della Cabina di regia e, quindi, della 'fotografia' del Paese alle prese con l'emergenza.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza