cerca CERCA
Martedì 24 Maggio 2022
Aggiornato: 17:17
Temi caldi

Obama ammette: "L'assenza di un piano per la Libia il mio errore peggiore"

11 aprile 2016 | 14.47
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

L'assenza di un piano per il dopo-Gheddafi è stato il "peggiore errore" della sua presidenza. Ad ammetterlo è Barack Obama in un'intervista a Fox News. Tuttavia, ha detto il presidente Usa, l'intervento in Libia fu "la cosa giusta da fare". Non è la prima volta che Obama esprime rammarico per la gestione della vicenda libica. Il mese scorso in un'intervista alla rivista Atlantic il presidente Usa difese l'intervento del 2011 nel Paese nordafricano, ma ammise che la situazione in Libia era ora "un disastro".

Nell'intervista a Fox News Obama ha poi sostenuto che il più grande risultato della sua presidenza è stato aver "salvato l'economia dalla grande depressione". Il giorno migliore di quelli trascorsi alla Casa Bianca, ha poi detto il presidente Usa, è stato quello del varo della sua riforma sanitaria, mentre il peggiore quello della strage alla scuola elementare Sandy Hook.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza