cerca CERCA
Mercoledì 01 Dicembre 2021
Aggiornato: 23:22
Temi caldi

Giappone: Obama riceve Abe, 'grazie per il karaoke'

28 aprile 2015 | 18.42
LETTURA: 3 minuti

Ma al centro della visita vi sono naturalmente temi ben più seri, dal rafforzamento dei rapporti commerciali a nuove linee guida per l'esercito giapponese. Shinzo Abe sarà domani il primo capo del governo giapponese a pronunciare un discorso davanti al Congresso degli Stati Uniti.

alternate text
Barack Obama e la first lady Michelle salutano da un balcone della Casa Bianca assieme al primo ministro giapponese Shinzo Abe e la moglie Akie. - (foto Afp)

Il presidente americano Barack Obama e la first lady Michelle hanno oggi accolto con tutti gli onori alla Casa Bianca il primo ministro giapponese Shinzo Abe e la moglie Akie. "Oggi è un'occasione per gli americani, specie i più giovani, di dire grazie per tutte le cose che amiamo del Giappone: il karaté e il karaoke, i manga e i cartoni animati, e naturalmente gli emoticon", ha scherzato Obama. Ma al centro della visita vi sono naturalmente temi ben più seri, dal rafforzamento dei rapporti commerciali a nuove linee guida per l'esercito giapponese.

Abe e la moglie Akie, sono stati accolti con una cerimonia formale sul prato sud della Casa Bianca. Oltre alla salve di cannone e la rivista delle truppe, c'erano anche bambini che agitavano bandierine americane e giapponesi. E Obama ha voluto pubblicamente sottolineare il suo impegno verso "un commercio libero ed equo".

Nell'agenda dei colloqui fra i due leader, che saranno seguiti questa sera da una cena di Stato alla Casa Bianca, vi sono infatti le trattative commerciali per la Trans Pacific Partnership (Tpp). Il negoziato, che coinvolge Stati Uniti e 11 paesi dell'Asia-Pacifico, va inquadrato nello sforzo americano per contrastare l'egemonia cinese nella regione.

Obama e Abe annunceranno anche nuove linee guida per le forze armate giapponesi, concordate ieri dai ministri degli Esteri e la Difesa, che rimuovono alcune restrizioni alla cooperazione militare fra i due paesi. Abe punta infatti ad ampliare il ruolo delle sue forze militari, limitato dalla costituzione pacifista che gli americani imposero a Tokio nel dopoguerra.

Abe sarà domani il primo capo del governo giapponese a pronunciare un discorso davanti al Congresso degli Stati Uniti. Le sue parole saranno ascoltate attentamente anche da Cina e Corea del Sud, che premono da tempo perchè Tokio si scusi formalmente per i crimini di guerra compiuti prima e durante il secondo conflitto mondiale.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza