cerca CERCA
Martedì 17 Maggio 2022
Aggiornato: 13:45
Temi caldi

Olivi (Gemelli): "Garantiti interventi neurochirurgia in emergenza Covid, 204 ricoveri"

06 maggio 2020 | 16.47
LETTURA: 1 minuti

I dati di marzo-aprile

alternate text
Alessandro Olivi

"La neurochirurgia del Policlinico Gemelli si è adattata all'emergenza Covid-19 mantenendo una buona attività, e assicurando tutti gli interventi giudicati non rinviabili, come ad esempio nel caso dei malati di tumore. Il tutto nella massima sicurezza". A testimoniarlo all'Adnkronos Salute è Alessandro Olivi, direttore dell'Istituto di neurochirurgia dell'Università Cattolica e responsabile dell'Uoc di Neurochirurgia della Fondazione Policlinico Gemelli Irccs di Roma. "Ho presentato i dati nei giorni scorsi in una teleconferenza con la Johns Hopkins University di Baltimora", dove ha occupato una posizione di leadership in neurochirurgia per 27 anni: tra marzo e aprile "i ricoveri in neurochirurgia sono stati 205", rileva lo specialista.

"Dunque abbiamo avuto una riduzione del 35-40% rispetto allo stesso periodo dell'anno passato. Possiamo dire di aver assicurato una buona attività nella massima sicurezza", evidenzia Olivi. Il tutto "grazie ad un'organizzazione rigorosa, che ha previsto fin da subito la separazione dei percorsi Covid e non Covid. Di volta in volta informiamo la direzione sui casi urgenti, e abbiamo l'approvazione. La nostra struttura è molto dedicata alla malattia oncologica, e i tumori maligni cerebrali non possono aspettare. Naturalmente - ricorda Olivi - prima del ricovero ad ogni paziente viene fatto il tampone. E questo, insieme alla separazione delle attività e all'attivazione del Covid-2 Hospital Columbus, ci ha preservato e ci ha consentito di rispondere ad urgenze ed emergenze nel modo migliore, per pazienti e operatori".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza