cerca CERCA
Martedì 29 Novembre 2022
Aggiornato: 22:33
Temi caldi

Omicidi Roma, De Pau dopo i delitti voleva scappare: offrì soldi per un passaporto

22 novembre 2022 | 13.47
LETTURA: 1 minuti

Non ancora trovata l'arma. Domani la convalida del fermo dopo l'interrogatorio davanti al gip nel carcere di Regina Coeli

alternate text

Giandavide De Pau, il 51enne accusato dell’omicidio delle tre donne assassinate giovedì scorso nel quartiere Prati a Roma, dopo i delitti di via Riboty e via Durazzo voleva tentare la fuga.

Leggi anche

L'uomo avrebbe cercato, in cambio di denaro, di ottenere da una donna cubana un passaporto. Secondo quanto emerso dalle indagini De Pau, infatti, avrebbe contattato la donna per chiederle aiuto per avere il documento, forse per andare all’estero. Inoltre, secondo quanto emerso finora, non sarebbe stata ancora trovata l’arma utilizzata nei tre delitti.

Intanto è fissata per domani, in mattinata, l’udienza di convalida del fermo per De Pau. L’interrogatorio davanti al gip si terrà nel carcere di Regina Coeli dove da sabato è detenuto il cinquantunenne. Sempre domani verrà conferito l’incarico al medico legale per eseguire le autopsie sui corpi delle vittime. L’esame autoptico sulle salme, che si trovano all’istituto di medicina legale del Policlinico Gemelli, potrà chiarire anche se le ferite inferte alle tre donne siano riconducibili alla stessa arma. La procura di Roma contesta a De Pau il triplice omicidio aggravato.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza