cerca CERCA
Martedì 07 Dicembre 2021
Aggiornato: 11:18
Temi caldi

Ordinò l'omicidio dell'amante al marito, in carcere 'first lady' del clan

14 maggio 2020 | 12.45
LETTURA: 1 minuti

alternate text

La Squadra Mobile di Caserta ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip di Napoli su richiesta della Dda partenopea, nei confronti di M.B., moglie di D.B., storico boss di un clan camorristico attivo nella zona di Marcianise (Caserta). Il provvedimento è stato emesso all’esito del deposito delle motivazioni con le quali il 19 dicembre 2019, con sentenza emessa al termine del rito abbreviato, il gip del Tribunale di Napoli ha condannato D.B. e la moglie M.B., rispettivamente a 30 anni di reclusione e all'ergastolo, più pene accessorie, in quanto giudicati responsabili dell’omicidio di A. G., uccisa nell’ottobre 1991.

M.B. è stata condannata inoltre per associazione di tipo mafioso poiché riconosciuta quale effettiva "reggente" del clan di Marcianise almeno dall’aprile 2016 all’agosto 2017. Le indagini hanno permesso di far luce sulla sparizione di A.G. e sulle recenti dinamiche relative alla gestione del clan dei "Mazzacane", le cui redini sono rimaste per lungo tempo nelle mani di M.B.

La vittima, secondo quanto ricostruito dalle indagini, era stata per lungo tempo una fiamma di D. B., dal quale nel 1978 aveva avuto anche una figlia. Il ras, tuttavia, non aveva mai "ufficializzato" quella nascita, al punto da non riconoscere la neonata. Nel 1991, quando ormai la ragazza aveva 13 anni, D.B. si era riavvicinato alla vittima al punto da offrirle anche alcuni contributi di ordine economico, ma scatenando al contempo le ire della moglie.

Quest'ultima pose il boss di fronte a un aut aut: lasciarlo, portando con sé i loro figli, o uccidere la donna occultandone il cadavere, accettando in cambio di crescerne la figlia in casa loro. D. B. consumò il delitto nascondendo il cadavere della donna in un luogo ancora oggi ignoto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza