cerca CERCA
Mercoledì 27 Gennaio 2021
Aggiornato: 05:55

Orgia a Bruxelles, Orban scarica eurodeputato: "Indifendibile"

02 dicembre 2020 | 19.55
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Afp
Budapest, 2 dic. (Adnkronos)

Viktor Orbán scarica definitivamente József Szájer, l'eurodeputato di Fidesz scoperto mentre partecipava ad un'"orgia gay" a Bruxelles, in palese violazione delle regole del lockdown. "Quello che ha fatto il nostro parlamentare József Szájer non ha posto tra i valori della nostra famiglia politica", ha detto il premier ungherese in serata. "Non dimenticheremo né ripudieremo i suoi 30 anni di lavoro, ma le sue azioni sono inaccettabili e indifendibili", ha aggiunto Orban, riferendo che Szájer ha lasciato il partito, lo stesso del premier, dopo essersi già dimesso dal suo incarico di europarlamentare durante il fine settimana.

L'imbarazzo per il partito del premier è stato grande, dopo che venerdì sera Szájer è stato scoperto dalla polizia di Bruxelles mentre tentava di fuggire da un festino che violava le norme di distanziamento in vigore in Belgio. Oltre all'atteggiamento tradizionalista di Fidesz in termini di diritti gay, ad aggiungere ulteriore imbarazzo sono state le posizioni personali di Szájer e il suo impegno per inserire nella Costituzione la definizione del matrimonio come istituzione riservata alle persone eterosessuali.

Parole analoghe a quelle del premier Orban sono state espresse anche dal gruppo di Fidesz al Parlamento europeo, per il quale le dimissioni di Szájer sono state "la decisione giusta". Prima dell'intervento di Orban, i membri del governo ungherese non hanno voluto rilasciare dichiarazioni sulla vicenda, quando sosno stati pressati dai giornalisti al loro arrivo, stamattina, alla riunione di gabinetto.

Szájer, che è sposato, si era dimesso a sorpresa domenica, senza fornire spiegazioni. Martedì ha rilasciato una dichiarazione, dopo che la notizia e le circostanze del suo arresto avevano cominciato a circolare sui media. Secondo il vice procuratore della regione di Bruxelles, l'ex eurodeputato era stato arrestato con le mani insanguinate, dopo che un passante lo aveva visto "calarsi dalla grondaia" mentre tentava di fuggire al raid della polizia.

Szájer ha ammesso di essre stato ad una "festa privata", ma ha sostenuto che le droghe trovate in suo possesso erano gli erano state messe addosso a sua insaputa. Si è scusato con la sua famiglia, ma non ha fatto alcun riferimento alla natura della "festa" alla quale aveva partecipato.

David Manzheley, l'organizzatore del festino, ha riferito al quotidiano belga Hln che Szájer era arrivato in compagnia di un altro invitato. "Invito sempre un po' di persone alle mie feste, che a loro volta portano con sé degli amici, e ci divertiamo insieme. Parliamo, beviamo, proprio come in un bar. L'univva differenza è che nel frattempo facciamo sesso gli uni con gli altri", ha spiegato Manzheley, confermando che all'arrivo della polizia i partecipanti erano "tutti nudi". La polizia belga ha aperto un'indagine sull'accaduto e sul possesso di droga da parte di Szájer.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza