cerca CERCA
Sabato 02 Luglio 2022
Aggiornato: 00:03
Temi caldi

Orlandi: "Con gli strumenti tracciabili si potranno abbandonare le ricevute fiscali"

09 novembre 2014 | 13.04
LETTURA: 2 minuti

Il direttore dell'Agenzie delle Entrate: "È prioritario incentivarli, così sarà possibile abbandonare alcuni strumenti risultati inefficaci, come i misuratori fiscali"

alternate text
(Infophoto) - INFOPHOTO

''È prioritario incentivare l'uso di strumenti tracciabili'' per il pagamento, con ''un'attenzione particolare'' alle attività che si rivolgono al consumatore finale. Raggiungendo la completa tracciabilità sarà possibile ''abbandonare alcuni strumenti risultati inefficaci, come i misuratori fiscali e le ricevute fiscali''. Lo afferma il direttore dell'Agenzia delle entrate, Rossella Orlandi.

Ristabilire la fiducia con il contribuente - La delega fiscale ''comporta la revisione del sistema tributario, con l'obiettivo di trovare delle soluzioni di semplificazione, di conseguenza mira a favorire la ripresa dell'economia ponendo le basi per il miglioramento del rapporto di fiducia tra fisco e contribuenti'', ha detto Orlandi

''La strategia della prevenzione - sottolinea - deve offrire soluzioni globali, che si declinano in base alle diverse tipologie'' di evasione. ''Non deve mirare solo a recuperare le risorse ma anche dare delle risposte alla sempre più diffusa richiesta di legalità che ci viene dal paese'', osserva il direttore. ''La richiesta dei cittadini di attuare legalità e l'unica risposta vera all'evasione fiscale, non c'è una strada più importante che quella di condivisione da parte dei cittadini, di un modo di contribuire alla spesa pubblica''.

Orlandi ricorda che gli studi effettuati a livello internazionale dimostrano che ''l'evasione è minore nei paesi in cui rapporto tra Stato e cittadini è improntato a principi di lealtà, trasparenza e rispetto reciproco, perchè un rapporto corretto è una delle migliori leve per combattere la piaga dell'evasione fiscale''. ''Lo dovremo tenere tutti a mente''.

Il direttore mette in evidenza che, nell'attività di contrasto all'evasione fiscale, ''la limitatezza delle risorse e la grandezza del fenomeno comportano la necessità di agire per priorità, individuare punti di maggiore rilevanza e su questi concentrare le nostre risorse''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza