cerca CERCA
Domenica 05 Febbraio 2023
Aggiornato: 23:55
Temi caldi

Orrore a Napoli, maltratta la moglie e tortura il figlio con scariche elettriche

04 ottobre 2015 | 12.10
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Immagine di repertorio (Infophoto) - INFOPHOTO

Maltrattamenti, sevizie e torture con scariche elettriche. Un 47enne algerino residente a Giugliano in Campania (Napoli) è stato arrestato dai Carabinieri, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare ad esito di indagini coordinate dalla Procura di Napoli Nord, in quanto gravemente indiziato di maltrattamenti nei confronti della moglie e di uno dei figli.

Le indagini sono partite dalla denuncia della donna che, pochi giorni fa, per la prima volta denunciava gli episodi di continui maltrattamenti e sevizie di cui era vittima da anni ai Carabinieri della Stazione di Campobasso, città nella quale si era rifugiata con i figli.

I carabinieri della città molisana, dopo aver effettuato accertamenti, hanno riferito alla Procura della Repubblica di Napoli Nord, in quanto i fatti si erano verificati a Giugliano. Particolarmente allarmante è apparso il racconto di uno dei figli, anch'egli vittima di violenze fisiche e psicologiche. Il ragazzo ha raccontato che, in alcune occasioni, veniva costretto a rimanere fuori casa a torso nudo nel freddo invernale, bagnato dal padre con secchi di acqua fredda, mentre in altre occasioni veniva torturato con scariche elettriche.

La donna e i minori si trovano attualmente in una struttura protetta, assistiti dai servizi sociali, mentre l'uomo è stato portato nel carcere napoletano di Poggioreale.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza