cerca CERCA
Sabato 28 Maggio 2022
Aggiornato: 19:35
Temi caldi

Malaria, Sofia aveva stesso parassita delle bimbe ricoverate

06 settembre 2017 | 11.53
LETTURA: 4 minuti

alternate text

"Il parassita che ha causato la malaria" che ha ucciso Sofia, la bimba di 4 anni morta a Brescia, "è dello stesso tipo che aveva fatto ammalare le due bambine rientrate dal Burkina Faso che erano ricoverate da noi in pediatria negli stessi giorni. Si tratta di Plasmodium falciparum, lo sappiamo già da qualche giorno". Lo ha detto all'Adnkronos Salute Paolo Bordon, direttore generale dell'Azienda per i servizi sanitari della Provincia di Trento.

"Abbiamo inviato all'Iss dei vetrini con campioni prelevati a Sofia il 17 agosto, il giorno dopo il suo primo ingresso in ospedale. Questo ci permetterà di capire se era già arrivata con la malaria, pur non presentandone i segni, oppure no" ha spiegato Bordon.

"Eravamo certi della diagnosi di malaria da Plasmodium falciparum dal 2 settembre, quando abbiamo contattato Brescia. E sapevamo che le altre due bambine ricoverate con malaria avevano lo stesso parassita. Le due bimbe - ha aggiunto - erano arrivate in ospedale al rientro da una zona ad alto rischio ed era stata subito fatta la diagnosi di malaria". Caso diverso per Sofia, che non si era mossa dall'Italia: la diagnosi è stata più complessa. Ma c'è un legame tra i casi di questi bambini? Le verifiche dell'Iss potrebbero contribuire a fare chiarezza: stabilire cioè se il contagio è precedente al primo ricovero di Sofia, oppure no.

"La prima volta che la bimba è arrivata nella struttura di Trento non manifestava segni di malaria - ha spiegato il direttore generale - ma l'incubazione va da 6 a 20 giorni". Insomma, molte ipotesi restano aperte: "Domani aspettiamo gli ispettori del ministero della Salute. Si tratta di una vicenda complessa, quasi incredibile, penso che sarà difficile riuscire ad 'agganciare' le prove e ricostruire ciò che è accaduto".

Intanto, ha detto Bordon, "hanno dato esito negativo i controlli effettuati ieri e oggi attraverso apposite trappole sistemate per verificare l'eventuale presenza di zanzare anofele", vettori della malaria.

OMICIDIO COLPOSO - Omicidio colposo a carico di ignoti. Il procuratore capo di Trento Marco Gallina si accinge ad aprire un fascicolo che punta a chiarire, nel limite del possibile, se vi siano state responsabilità penali nella morte della piccola Sofia.

Le indagini sono state affidate al Nas, il Nucleo antisofisticazioni dei carabinieri, dai quali ieri Gallina ha ricevuto già gran parte della documentazione acquisita. Altri documenti sono attesi dalla Procura di Brescia, che ha aperto un secondo fascicolo, e dall'ospedale di Portogruaro, dove la bimba era stata ricoverata per un esordio diabetico il 13 agosto (per tre giorni) prima di essere trasferita in Pediatria a Trento. Un'indagine che si preannuncia in salita per gli investigatori e in Procura non lo nascondono.

Le incognite sono numerose e non è detto che si possano trovare risposte esaustive, oltre che rilevanti sotto il profilo penale. Anche se fosse avvenuto un ipotetico contagio diretto fra i bambini (tramite il sangue) oppure tramite l'utilizzo di strumenti non sterilizzati e non monodose - tutte circostanze smentite ieri dall'Azienda sanitaria ed effettivamente molto remote anche dal punto di vista probabilistico - trovarne le prove ora, a distanza di più di due settimane (ma lo stesso si potrebbe dire in caso di tempistiche molto più ridotte) sarebbe di fatto impossibile. Nella giornata di lunedì il pm di turno era stato contattato verbalmente dall'Apss, ma ora l'indagine è condotta personalmente da Gallina. Domani dovrebbe essere compiuta l'autopsia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza