cerca CERCA
Lunedì 21 Giugno 2021
Aggiornato: 15:50
Temi caldi

Arrestato in Spagna dopo quattro giorni il padre in fuga, il neonato sta bene

17 aprile 2015 | 08.54
LETTURA: 3 minuti

Il piccolo è stato visitato in ospedale e ora si trova in un centro per minori dove la madre lo ha riabbracciato. L'uomo, impiegato di 38 anni di Orbassano (Torino), è stato bloccato in un centro commerciale ad Albacete. Era scomparso martedì intorno alle 13.30 mentre la moglie faceva acquisti

alternate text
(Foto AdnKronos) - INFOPHOTO

"Perdono mio marito per quello che ha fatto. È un buon padre e ha trattato bene nostro figlio". Parole della moglie di Enzo Costanza, il 38enne di Orbassano (Torino) fuggito con il figlio neonato martedì' e ritrovato oggi in Spagna con il bambino. "Spero che stia bene" ha aggiunto la donna.

Enzo Costanza, il 38enne di Orbassano (Torino), è stato dichiarato in stato di “detencion” dalle autorità spagnole per sottrazione di minore. Domani mattina sarà accompagnato davanti al giudice di Albacete che deciderà per la detenzione o la liberazione, in una sorta di processo per direttissima. Interrogato dalle autorità spagnole con un interprete e assistito da un avvocato d’ufficio Costanza ha detto:“Volevo andare a Santiago de Compostela", sottolineando che si è "preso cura del bambino". "L’ho trattato bene”, ha detto.

Il piccolo è stato visitato in ospedale ed è stato trovato in buone condizioni, poi è stato trasferito in un centro per minori dove la madre ha potuto riabbracciarlo. Il 38enne era in fuga con il figlio da quattro giorni, quando è stato rintracciato in un centro commerciale ad Albacete. Prima di essere bloccato aveva chiamato la moglie rassicurandola. "Non so cosa farò", aveva detto spiegandole comunque che il bambino stava bene e che glielo avrebbe restituito in buone condizioni.

Localizzazione cellulare, pagamenti con la carta di credito e avvistamenti, cosi' in questi quattro giorni i carabinieri del comando provinciale di Torino hanno seguito per duemila chilometri Enzo Costanza. Le operazioni sono state portate avanti in stretta collaborazione con il Servizio per la cooperazione internazionale di polizia (Scip).

L'uomo, che soffre di disturbi mentali, sparisce intorno alle 13.30 di martedì dal parcheggio dell'Euronics di Rivalta di Torino dove la moglie stava facendo acquisti. Il suo Fiat Freemont viene visto transitare al Traforo del Frejus verso la Francia un'ora dopo. Dorme in un hotel di Lione, dove un testimone lo incrocia in ascensore. Usa la carta di credito per pagare l'hotel e per degli acquisti sulla strada, anche in farmacia. Fa benzina, poi raggiunge la Spagna dove dorme a Figueres la notte tra mercoledì' e giovedì'. Da qui Costanza riparte, fa di nuovo rifornimento e preleva 200 euro a Ciudad Real, citta' della Mancha. Qui dorme in un hotel e alle 7.45 riparte con il bambino e venti minuti dopo fa benzina. Alle 9.30 accende il telefono e per la prima volta chiama la moglie rassicurandola sulle condizioni del figlio. A questo punto il cerchio delle forze dell'ordine si stringe: l'uomo effettua due acquisti un negozio e un supermercato della cittadina e arriva nel centro commerciale dove alle 12.15 la polizia spagnola lo blocca.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza