cerca CERCA
Domenica 20 Giugno 2021
Aggiornato: 12:30
Temi caldi

"Pagati 33 cent all’ora", il call center della vergogna

19 dicembre 2017 | 17.39
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Uno stipendio di 92 euro al mese, circa 33 centesimi all'ora, e decurtazioni ai pagamenti del corrispettivo di un'ora di lavoro per chi andava 5 minuti al bagno o arrivava con 3 minuti di ritardo. E' quanto emerge da una denuncia della SLc Cgil di Taranto, riguardo un call center.

Sulla carta l'offerta era allettante: il call center di Taranto avrebbe offerto ai lavoratori circa 12mila euro all’anno, la realtà però "non solo era differente - spiega Andrea Lumino, segretario generale di SLc Cgil Taranto -, ma superava di gran lunga la più macabra immaginazione".

I lavoratori impiegati nel call center da metà ottobre a dicembre si sono licenziati dopo "il primo allucinante bonifico di appena 92 euro per un intero mese di lavoro", si legge in una nota del sindacato. "Alle loro rimostranze, l'azienda ha risposto che se per 5 minuti si lascia il posto per andare al bagno si perdeva una intera ora di lavoro. Anche per un ritardo di tre minuti l’azienda non riconosceva alle lavoratrici la retribuzione oraria".

Il segretario generale di SLc Cgil Taranto ha annunciato che i legali del sindacato stanno valutando "la possibilità di collegare questa situazione alla legge contro il caporalato". Subito dopo la conferenza stampa, si legge nel comunicato, è stato preparato un esposto denuncia dei lavoratori e del sindacato da inviare alla Procura della Repubblica, al Sindaco, al Presidente della Provincia e al Prefetto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza