cerca CERCA
Sabato 25 Settembre 2021
Aggiornato: 12:46
Temi caldi

Palermo zona rossa, regole fino al 14 aprile: ordinanza

06 aprile 2021 | 17.40
LETTURA: 3 minuti

Decisione del governatore siciliano Musumeci dopo il boom di contagi delle ultime settimane

alternate text
(FOTOGRAMMA)

Palermo diventa zona rossa a partire dalla mezzanotte. Lo ha deciso il governatore siciliano, Nello Musumeci, che ha firmato l'ordinanza dopo il boom di contagi di Coronavirus registrati nelle ultime settimane. L'ordinanza resterà in vigore fino al 14 aprile.

"Le misure sono state adottate a seguito della richiesta del sindaco di Palermo di disporre provvedimenti maggiormente restrittivi rispetto all’attuale zona arancione - spiega una nota della Presidenza della Regione siciliana - e dopo la relazione in tal senso del commissario ad acta per l’emergenza Covid dell’area metropolitana di Palermo". E con la zona rossa, Dad dalla seconda media in poi a Palermo. Il capoluogo siciliano si adegua alla normativa nazionale.

REGOLE ZONA ROSSA - In zona rossa, come ricorda il sito del Governo dedicato alle domande frequenti sulle misure da rispettare, sono consentiti esclusivamente i seguenti spostamenti:

- per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità (anche verso un’altra Regione o Provincia autonoma);

- il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, compreso il rientro nelle “seconde case” ubicate dentro e fuori regione.

Gli spostamenti per far visita ad amici o parenti autosufficienti e, in generale, tutti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria non dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute sono invece vietati.

SCUOLA E UNIVERSITA' - E' assicurato in presenza lo svolgimento:

- dei servizi educativi per l'infanzia (nidi e micronidi, sezioni primavera e servizi integrativi quali spazi gioco, centri per bambini e famiglie, servizi educativi in contesto domiciliare comunque denominati e gestiti);

- dell’attività scolastica e didattica della scuola dell'infanzia (materna);

- dell’attività scolastica e didattica della scuola primaria (elementari);

- dell’attività scolastica e didattica del primo anno della scuola secondaria di primo grado (prima media).

Nello stesso periodo, le attività didattiche del secondo e terzo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado (seconda e terza media) e della scuola secondaria di secondo grado (licei, istituti tecnici etc.) si svolgono esclusivamente in modalità a distanza.

Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento telematico con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.

IL SINDACO - "Per quanto riguarda le scuole, ci atterremo alle disposizioni nazionali richiamate dal presidente della Regione che prevedono la didattica in presenza fino alla prima media inclusa, confidando nel fatto che un flusso di dati continuo e attendibile permetta un costante monitoraggio della situazione nei prossimi giorni e riservandoci la possibilità, qualora la situazione dovesse richiederlo, di provvedimenti ancora più restrittivi in conformità a quanto si realizza da tempo nel resto di Italia e secondo le prescrizioni nazionali" fa sapere il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, dopo l'ordinanza del governatore Musumeci.

Intanto, in mattinata, sulla base dei dati provvisori trasmessi dal commissario per l'emergenza Covid-19, nel Comune di Palermo il numero dei nuovi positivi nella settimana dal 30 marzo al 5 aprile è risultato pari a 1.763, pari a 275,2 per 100mila abitanti. Ieri, con riferimento alla settimana dal 28 marzo al 3 aprile, era pari a 251,3. I dati sono elaborati dall'ufficio statistica del Comune di Palermo. "A causa di possibili ritardi nella trasmissione dei referti da parte dei laboratori - evidenzia la nota - i dati possono presentare forti oscillazioni da un giorno all'altro e sono da intendersi come provvisori".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza