cerca CERCA
Mercoledì 20 Ottobre 2021
Aggiornato: 04:45
Temi caldi

Pancreas bionico, positivo primo test su adulti e teenager

16 giugno 2014 | 12.15
LETTURA: 3 minuti

alternate text

(Adnkronos Salute) - L'ultima versione di pancreas bionico per i malati di diabete di tipo tipo 1 è stata testata con successo negli Stati Uniti in due piccoli studi, su pazienti adulti e adolescenti. Il lavoro, condotto dai ricercatori della Boston University e del Massachusetts General Hospital, viene presentato all'American Diabetes Association meeting in corso a San Francisco e pubblicato, contemporaneamente, sul 'New England Journal of Medicine'.

Nei due studi randomizzati, gli studiosi hanno confrontato i risultati ottenuti dal pancreas bionico - un device indossabile e automatizzato - con quelli di una pompa a insulina. Il tutto per cinque giorni di seguito, in 20 adulti e 32 adolescenti con diabete di tipo 1. Il pancreas bionico era dotato di un algoritmo che riceveva i dati da un monitor del glucosio e di un algoritmo per controllare la somministrazione 'mirata' di insulina e glucagone. Il tutto grazie anche all'impiego di uno smartphone, che riceveva le letture del monitor del glucosio e le usava per calcolare il dosaggio di ormoni da somministrare. Una App, inoltre, consentiva ai pazienti di comunicare al sistema eventuali pasti, specificando se si trattava di pranzo, colazione, cena o merenda.

Dopo il test con il pancreas bionico, tutti i soggetti sono stati monitorati per cinque giorni con la 'classica' pompa a insulina. "Il pancreas bionico ha ridotto i livelli medi di glucosio nel sangue a valori praticamente normali, con minori picchi" rispetto al sistema 'tradizionale', spiega Steven Russell, che ha diretto il lavoro insieme a Edward Damiano. "In entrambi gli studi il device ha superato le nostre aspettative e si è adattato automaticamente ai bisogni, molto differenti, di pazienti adulti e adolescenti", gli fa eco Damiano.

Per lo studioso della Boston University il diabete è una questione di famiglia: il fratello di 15 anni ha avuto una diagnosi di diabete di tipo 1 a 11 mesi. "A fare la differenza", con il pancreas bionico, "è il fatto di non dover pensare al diabete 24 ore su 24", spiega Damiano. Sono già in corso dei trial di follow up che valuteranno il dispositivo per 11 giorni su un gruppo un po' più ampio di adulti e su bambini da 6 a 11 anni. La ricerca sul pancreas bionico va avanti, dunque, con tappe serrate.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza