cerca CERCA
Martedì 11 Maggio 2021
Aggiornato: 10:22
Temi caldi

Paolo Rossi, il fratello: "Ha sorriso fino all'ultimo, poi il coma"

10 dicembre 2020 | 13.06
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Fotogramma

"L'ho visto per l'ultima volta ieri, alle Scotte. Era entrato in coma non mi ha riconosciuto. Fino al giorno prima sorrideva, anche se aveva perduto la forza di parlare". Così al quotidiano "La Nazione" Rossano Rossi, fratello di Paolo, due anni e mezzo più grande, racconta le ultime ore del campione scomparso. "Era malato dalla primavera, colpito al polmone - spiega -. Decise di non farlo sapere, di affrontare la malattia protetto dalla famiglia, senza clamori. Dalla malattia originaria se ne sono sviluppate altre, anche alle ossa, certo indotte dalla debilitazione che ogni giorno lo rendeva più vulnerabile. No, il Covid non lo ha colpito".

Paolo Rossi era ricoverato alle Scotte di Siena, dove Rossano andava a trovarlo "sulla base di permessi che chiedevo e mi venivano concessi quando i medici lo stabilivano". "In pochi mesi ha subito interventi, si è sottoposto a cure impattanti - prosegue - Lo ha fatto con coraggio, impegnando tutto sé stesso, fino a sabato ha ricevuto le terapie. Paolo aveva fiducia dei sanitari di Siena si era affidato loro con la massima disponibilità e ha offerto ai medici ogni energia per superare il male. Si è aiutato da solo, con l'affetto della famiglia, di noi".

Paolo Rossi si concedeva attimi di vita apparentemente normale, accettando ogni tanto gli inviti della tv. "Si collegava dal pc di casa con la Domenica sportiva, come tanti fanno, oggi, in tempi di Covid - racconta Rossano - Per sostenere la breve intervista era necessaria una iniezione che lo tenesse su. Il medico gliela praticava poco prima. Gli faceva piacere mostrarsi agli sportivi, al suo mondo del calcio. Noi familiari annunciavamo che si era operato alla schiena, per spiegare la sua assenza. E non era una bugia, perché in questi mesi si è sottoposto anche a un intervento alla vertebra".

Rossano e Paolo iniziarono insieme la carriera nel calcio, sotto lo sguardo di babbo Vittorio, al quale è intitolato oggi il campo del Santa Lucia e di mamma Amelia. Dal Santa Lucia passarono all'Ambrosiana. Rossano andò poi alle giovanili della Juventus, Paolo restò qualche anno in Toscana, prima di arrivare pure lui ai bianconeri. e di consacrarsi attraverso Como, Vicenza, Perugia come centravanti della Nazionale, amato in Italia e anche all'estero.

"Abbiamo passato la vita insieme - conclude Rossano - Non ci siamo staccati un attimo, anche se eravamo fisicamente a migliaia di chilometri di distanza. Il ricordo che serberò è di noi che giochiamo insieme a pallone da ragazzini. Al di là dei trionfi, lui sarà sempre il mio Paolo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza