cerca CERCA
Mercoledì 01 Dicembre 2021
Aggiornato: 01:04
Temi caldi

Papa: "Praticare la giustizia, non la vendetta"

19 febbraio 2017 | 13.45
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Papa Francesco - AFP

"Gesù ci vuole insegnare la netta distinzione che dobbiamo fare tra la giustizia e la vendetta. La vendetta non è mai giusta. Ci è consentito di chiedere giustizia; è nostro dovere praticare la giustizia. Ci è invece proibito vendicarci o fomentare in qualunque modo la vendetta, in quanto espressione dell'odio e della violenza". Lo dice papa Francesco durante uno dei passaggi della catechesi dell'Angelus domenicale.

Il Pontefice spiega che il rifiuto di Gesù alla violenza significa "rinunciare a un diritto", ma questo "non vuol dire che le esigenze della giustizia vengano ignorate o contraddette". Al contrario, aggiunge il pontefice, "l'amore cristiano, che si manifesta in modo speciale nella misericordia, rappresenta una realizzazione superiore della giustizia".

Inimicizie in famiglia, rispondere con il bene - "Quando parliamo di 'nemici' non dobbiamo pensare a chissà quali persone diverse e lontane da noi; parliamo anche di noi stessi, che possiamo entrare in conflitto con il nostro prossimo, a volte con i nostri familiari. Quante inimicizie nelle famiglie, quante! Pensiamoci" afferma il Papa. "Nemici sono coloro che parlano male di noi, che ci calunniano e ci fanno dei torti e non è facile digerire questo. A tutti costoro siamo chiamati a rispondere con il bene, che ha anch'esso le sue strategie, ispirate dall'amore".

Rappresaglia non porta mai a soluzione conflitti - "Il male è un 'vuoto' di bene, e non si può riempire con un altro vuoto, ma solo con un 'pieno', cioè con il bene. La rappresaglia non porta mai alla risoluzione dei conflitti" dice papa Francesco. La "via della vera giustizia", sottolinea il Pontefice, è espressa nel Vangelo di questa domenica, "una di quelle pagine che meglio esprimono la 'rivoluzione' cristiana".

Appello per pace in Congo - "Continuano purtroppo a giungere notizie di scontri violenti e brutali nella regione del Kasai Centrale della Repubblica Democratica del Congo" dice il pontefice. "Sento forte il dolore per le vittime, specialmente per tanti bambini strappati alle famiglie e alla scuola per essere usati come soldati".

Stop per violenze in Pakistan e Iraq - Il Papa al termine dell'Angelus fa un appello per tutte le popolazioni del mondo che "soffrono a causa della violenza e della guerra". "Penso, in particolare, alle care popolazioni del Pakistan e dell'Iraq, colpite da crudeli atti terroristici nei giorni scorsi - sottolinea Bergoglio -. Preghiamo per le vittime, per i feriti e i familiari. Preghiamo ardentemente che ogni cuore indurito dall'odio si converta alla pace, secondo la volontà di Dio".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza