cerca CERCA
Domenica 29 Maggio 2022
Aggiornato: 00:31
Temi caldi

Calcio: Parma, ex presidente Ghirardi indagato per bancarotta fraudolenta

05 marzo 2015 | 11.45
LETTURA: 2 minuti

Ghirardi è stato iscritto nel registro degli indagati dai Pm della Procura di Parma che indagano sul dissesto finanziario della squadra emiliana

alternate text
Tommaso Ghirardi, ex presidente del Parma (Foto Infophoto) - INFOPHOTO

L'ex presidente del Parma Calcio Tommaso Ghirardi è stato iscritto nel registro degli indagati dai Pm della Procura di Parma che indagano sul dissesto finanziario della squadra emiliana. Bancarotta fraudolenta. Questa l'ipotesi di reato formalizzata a suo carico nel fascicolo della Procura.

Ci sarebbero anche altri nomi, oltre a quello di Ghirardi, iscritti nel registro degli indagati, nell'ambito dell'indagine della Procura di Parma. Accanto al nome dell'ex presidente del Parma Calcia i Pm emiliani starebbero dunque facendo accertamenti su ulteriori eventuali responsabilità, tra cui il ruolo di alcuni presunti faccendieri, anche esterni alla società, nella gestione che nel corso degli anni ha portato il Parma ad accumulare un debito di quasi 200 milioni di euro. Sotto la lente d'ingrandimento della Procura ci sono soprattutto i numerosi passaggi di proprietà della squadra che ora potrebbe rischiare il fallimento.

Nelle scorse settimane gli Ufficiali giudiziari sono stati a Collecchio per pignorare alcuni beni della società, tra cui degli automezzi. Inoltre, il Parma Fc è da ieri senza direttore generale. Pietro Leonardi ha rassegnato le sue dimissioni, spiegando con un comunicato diffuso sul sito web del club, di aver preso questa decisione perché "le mie condizioni di salute, peggiorate negli ultimi tempi e l’attuale situazione ambientale che si è mio malgrado venuta a creare - si legge nella nota- non mi consentono più di svolgere il mio lavoro proficuamente, non volendo oltretutto risultare d’impaccio all’attuale proprietà".

Sempre ieri il presidente Giampietro Manenti ha spiegato che la prossima settimana ci sarà un'audizione in Procura. In vista dell'incontro, i vertici della società hanno esaminato la parte contabile, fiscale e legale della situazione societaria e stanno preparando i documenti relativi ad un piano economico che sia "credibile e duraturo". "Cercheremo nei prossimi giorni di iniziare a fare dei pagamenti" ha aggiunto Manenti, facendo riferimento al 30 giugno come data entro la quale saldare tutte le pendenze con tesserati e dipendenti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza