cerca CERCA
Venerdì 20 Maggio 2022
Aggiornato: 19:33
Temi caldi

Lo Porto: petizione online per riportarne la salma in Italia

04 maggio 2015 | 16.25
LETTURA: 2 minuti

Ha raccolto già oltre 8.700 firme la petizione lanciata su Change.org da Pietro Barbieri e dal Forum Terzo Settore per fare luce sulla morte del cooperante italiano ucciso a gennaio insieme all'ostaggio americano Warren Weinstein in un raid degli Stati Uniti al confine tra Afghanistan e Pakistan

alternate text

Ha raccolto oltre 8.700 firme la petizione lanciata su Change.org da meno di una settimana per fare luce sulla morte del cooperante italiano, Giovanni Lo Porto, ucciso a gennaio insieme all'ostaggio americano Warren Weinstein in un raid degli Stati Uniti al confine tra Afghanistan e Pakistan, circostanza rivelata solo una decina di giorni fa. "La richiesta - riferisce un comunicato - attraverso la petizione, è di Pietro Barbieri e del Forum Terzo Settore che fanno tre specifiche richieste al governo italiano".

"Chiediamo - si legge - che il Parlamento e il governo italiano si scusino formalmente per come sono stati trattati Giovanni e la sua famiglia. Chiediamo che sia costituita una autorevole commissione di indagine ufficiale per accertare eventuali responsabilità del governo italiano che non è riuscito né a liberare né a dare notizie certe su Giovanni nei tre lunghi anni di prigionia e del governo Usa per la sua uccisione. Chiediamo che sia, almeno, restituita la salma di Giovanni alla famiglia e a quanti gli volevano bene".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza