cerca CERCA
Domenica 17 Ottobre 2021
Aggiornato: 19:40
Temi caldi

Pasolini, Daniele Nardi reinterpreta 'Una Storia Sbagliata' di Fabrizio De Andrè

02 novembre 2015 | 17.00
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Daniela Nardi

In occasione del 40/mo anniversario della morte di Pier Paolo Pasolini, Daniela Nardi canta "A story gone wrong" (Una Storia Sbagliata) di Fabrizio De Andrè. Il testo del brano è dedicato a Pasolini e tratta della tragica scomparsa del poeta avvenuta il 2 novembre del 1975. La canzone fu commissionata a De André per fare da sigla a due documentari Rai sulla morte di Pasolini e il cantautore coinvolse nel progetto l'amico Massimo Bubola, suo sodale di quel periodo.

L’artista canadese Daniela Nardi, con l’approvazione della Fondazione De Andrè, ha scelto di tradurre e includere questo brano nel suo disco “Canto”, la cui uscita in Italia è prevista per gennaio 2016. “La mia scelta artistica di tradurre questa canzone in inglese -spiega la cantante- ha molte motivazioni, principalmente perché questa è una storia che merita di essere raccontata. È una vicenda che gli italiani, ovviamente, conoscono ma che tutto il mondo dovrebbe apprendere e ricordare".

"Se non si parla italiano -sottolinea la cantante- non si può cogliere a pieno la profondità e la portata di ciò che De André e Bubola hanno cercato di esprimere. La cospirazione, il mistero, la perdita, il dibattito sociale: tutte queste cose si nascondono dietro la storia della morte di Pasolini".

"Ho prestato moltissima attenzione al significato delle parole, al loro ritmo -spiega Nardi- le ho scelte con una meticolosa selezione al fine di esprimere la vera essenza della canzone. La scelta di lasciare il testo in italiano in alcuni punti è dipesa dal fatto che non è possibile sostituire quei termini senza sminuirli".

"E poi -prosegue- non dimentichiamo che De Andrè realizzò una versione italiana di "Suzanne", brano del mio connazionale Leonard Cohen quindi perché non onorare in questo modo un meraviglioso cantautore italiano proprio da una canadese come me?”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza